Rifugiati MARTIRI HELL ONU


L'ANTICRISTO: in teoria: è colui che nega Cristo nella CARNE! ma, io non sono un religioso, io sono un politico che, giudica gli uomini per le LORO opere politiche, ma, spero che, nessuno faccia di se stesso: il nemico di Cristo di Betlemme, perché, in lui non c'è peccato! E chi nega il VERBO incarnato, è perché, lui non vuole liberarsi di ogni ombra di peccato nella sua vita! ed io come politico, io non posso imporre la santità a nessuno! ma, l'anticristo mostrerà a me, il suo delitto in te: furto, rapina, menzogna omicidi ipocrisia mafie massonerie .. ed io sono un Re terribile che mette a morte: i criminali per questi delitti politici! IO SONO LA LEGGE DEL TAGLIONE! MA, FORSE è MEGLIO LA GUERRA MONDIALE per te, che non scegliere me! GIOCA IL TUO DESTINO adesso, perché il tuo tempo sta per finire, infatti, SATANA, BELZEBUL BRAMA BAAL
JABULLON MARDUK ALLAH tuo? TI HANNO ABBANDONATO, E NON TI POSSONO PIù
SOCCORRERE!
666 regno NWO Unito Gezabele 2
#LUCIFERO ] io sono stato trovato "FEDELE" fino alla fine dei miei giorni: "UMILE"! IL CREATORE ONNIPOTENTE JHWH TI HA SOSTITUITO ANCHE CON ME! tu hai perso: VATTENE BUSH TU NON PUOI VINCERE!
666 regno NWO Unito Gezabele 2
Maria Valtorta : La caduta di Lucifero .. https://www.youtube.com/watch?v=gnYHetfltU8
666 regno NWO Unito Gezabele 2
Ezechiele 28 ] ECCO la VISIONE DI LUCIFERO IL TRADITORE MASSONE ISLAMICO FARISEO SAUDITA, CHE, LUI HA TRADITO IL REGNO: ED ORA è SATANA! drink your poison made by yourself Bush and Salman and Rothschild, i will kill you all and your all amen, alleluia! [ 1. Mi fu rivolta questa parola del Signore: 2. «Figlio dell'uomo, parla al principe di Tiro: Dice il Signore Dio: Poiché il tuo cuore si è insuperbito e hai detto: Io sono un dio, siedo su un seggio divino in mezzo ai mari, mentre tu sei un uomo e non un dio, hai uguagliato la tua mente a quella di Dio, 3. ecco, tu sei più saggio di Daniele, nessun segreto ti è nascosto. 4. Con la tua saggezza e il tuo accorgimento hai creato la tua potenza e ammassato oro e argento nei tuoi scrigni; 5. con la tua grande accortezza e i tuoi traffici hai accresciuto le tue ricchezze e per le tue ricchezze si è inorgoglito il tuo cuore. 6. Perciò così dice il Signore Dio: Poiché hai uguagliato la tua mente a quella di Dio, 7. ecco, io manderò contro di te i più feroci popoli stranieri; snuderanno le spade contro la tua bella saggezza, profaneranno il tuo splendore. 8. Ti precipiteranno nella fossa e morirai della morte degli uccisi in mezzo ai mari. 9. Ripeterai ancora: «Io sono un dio», di fronte ai tuo uccisori? Ma sei un uomo e non un dio in balìa di chi ti uccide. 10. Della morte dei non circoncisi morirai per mano di stranieri, perché io l'ho detto». Oracolo del Signore Dio. 11. Mi fu rivolta questa parola del Signore: 12. «Figlio dell'uomo, intona un lamento sul principe di Tiro e digli: Così dice il Signore Dio: Tu eri un modello di perfezione, pieno di sapienza, perfetto in bellezza; 13. in Eden, giardino di Dio, tu eri coperto d'ogni pietra preziosa: rubini, topazi, diamanti, crisòliti, ònici e diaspri, zaffìri, carbonchi e smeraldi; e d'oro era il lavoro dei tuoi castoni e delle tue legature, preparato nel giorno in cui fosti creato. 14. Eri come un cherubino ad ali spiegate a difesa; io ti posi sul monte santo di Dio e camminavi in mezzo a pietre di fuoco. 15. Perfetto tu eri nella tua condotta, da quando sei stato creato, finché fu trovata in te l'iniquità. 16. Crescendo i tuoi commerci ti sei riempito di violenza e di peccati; io ti ho scacciato dal monte di Dio e ti ho fatto perire, cherubino protettore, in mezzo alle pietre di fuoco. 17. Il tuo cuore si era inorgoglito per la tua bellezza, la tua saggezza si era corrotta a causa del tuo splendore: ti ho gettato a terra e ti ho posto davanti ai re che ti vedano. 18. Con la gravità dei tuoi delitti, con la disonestà del tuo commercio hai profanato i tuoi santuari; perciò in mezzo a te ho fatto sprigionare un fuoco per divorarti. Ti ho ridotto in cenere sulla terra sotto gli occhi di quanti ti guardano. 19. Quanti fra i popoli ti hanno conosciuto sono rimasti attoniti per te, sei divenuto oggetto di terrore, finito per sempre». 20. Mi fu rivolta questa parola del Signore: 21 «Figlio dell'uomo, volgiti verso Sidòne e profetizza contro di essa: 22. Annunziale: Dice il Signore Dio: Eccomi contro di te, Sidòne, e mostrerò la mia gloria in mezzo a te. Si saprà che io sono il Signore quando farò giustizia di te e manifesterò la mia santità. 23. Manderò contro di essa la peste e il sangue scorrerà per le sue vie: cadranno in essa i trafitti di spada e questa da ogni parte graverà; e sapranno che io sono il Signore. 24. Non ci sarà più per gli Israeliti un aculeo pungente, una spina dolorosa tra tutti i suoi vicini che la disprezzano: sapranno che io sono il
Signore». 25. Così dice il Signore Dio; «Quando avrò radunato gli Israeliti di mezzo ai popoli fra i quali sono dispersi, io manifesterò in essi la mia santità davanti alle genti: abiteranno il paese che diedi al mio servo Giacobbe, 26 vi abiteranno tranquilli, costruiranno case e pianteranno vigne; vi abiteranno tranquilli, quando avrò eseguito i miei giudizi su tutti coloro che intorno li disprezzano: e sapranno che io sono il Signore loro Dio». https://youtu.be/gnYHetfltU8
666 regno NWO Unito Gezabele 2
NON SIATE INGENUI ] [ Commonwealth, UK e UE FANNO PARTE DEL NWO, quindi, il fatto che UK può abbandonare la UE? questo non potrebbe mai essere un sintomo di sovranità o di vera Democrazia.. qui abbiamo i massoni GENDER Darwin, che, sono proprietà di Illuminati Farisei banchieri SpA FMI azionisti, una sola potenza per Satana! ] MA FINCHé NON POSSIAMO DARE UNA PATRIA A TUTTI GLI EBREI DEL MONDO, NOI NON POTREMO MAI SAPERE, SE, LORO SONO SATANISTI PER VOCAZIONE, OPPURE SE SONO SATANISTI PER NECESSITà! e PER QUELLO CHE CONOSCE LA MIA METAFISICA? LORO I FARISEI SONO SATANISTI PER NECESSITà! ECCO PERCHé, BUSH 322 KERRY HANNO DEI GROSSI PROBLEMI AD INNALZARE IL SATANISMO A LIVELLO MONDIALE! Il segretario di Stato per gli Affari Esteri e del Commonwealth considera “politicamente vincolante” la volontà dei cittadini del Regno Unito. Se i cittadini del Regno Unito dovessero votare a favore dell'uscita del Paese dall'Unione Europea, il governo britannico inizierà immediatamente "la procedura di negoziazione degli accordi d'uscita": http://it.sputniknews.com/mondo/20160127/1975101/gran-bretagna-brexit.html#ixzz3ySS75Lib
666 regno NWO Unito Gezabele 2
MAMMA LI TURCHI, MAMMA LI ] TUTTO IN CULO LO PRENDI DA HITLER E MAOMETTO SHARIA, ED ESCE DALLA BOCCA, QUELLA TESTA DI CAZZO ONU SHARIA DELLA CIA NATO [ Turchia, chiesto ergastolo per due giornalisti ] E C'è UNA DIMENSIONE QUANDO LE VOLGARITà POSSONO DIVENTARE PREGHIERA GRADITA A DIO ONNIPOTENTE CREATORE JHWH HOLY [ 15:18 27.01.2016URL abbreviato 05301, Il direttore ed il caporedattore del quotidiano di opposizione Cumhuriyet rischiano il carcere a vita in Turchia. Il pubblico ministero ha chiesto l'ergastolo per rivelazione di segreti di Stato. Il direttore ed il caporedattore del quotidiano di opposizione Cumhuriyet, Can Dundar e Erdem Gul, rischiano l'ergastolo dopo le richieste del pubblico ministero turco nel processo che li vede imputati per rivelazione di segreti di Stato.
Dundar e Gul erano stati arrestati lo scorso 26 novembre con l'accusa di far parte di un'organizzazione terroristica armata e di avere diffuso sulle pagine del quotidiano materiale in violazione della sicurezza dello Stato. Nello scoop giornalistico per cui Dundar, direttore del quotidiano, ed Erdem Gul, caporedattore della redazione di Ankara, sono stati arrestati, veniva rivelato i passaggio di armi dalla Turchia alla Siria, con particolari su come l'intelligence turca coordinava il transito di camion carichi di rifornimenti militari per il fronte ribelle siriano: http://it.sputniknews.com/mondo/20160127/1974755/turchia-ergastolo-due-giornalisti-censura-media.html#ixzz3ySPayQmk
666 regno NWO Unito Gezabele 2

gli USA UK regime massonico: torre di Babilonia, loro portano con coerenza un imperialismo massonico usurocratico di SpA monopolio bancario attraverso, congiure autoattentati e guerre, perché, sono farisei satanisti e senza moralità avidi e macchiavellici: CON LO SCCOPO DI STERMINARE IL SEME DI ABRAMO! MENTRE, SE I FARISEI, SI METTESSERO LA MANO SULLA COSCIENZA DI SATANA E SE DIVENTASSERO, NUOVAMENTE DEI VERI EBREI? CERTO, STERMINEREBBERO LA LEGA ARABA DEI NAZISTI INVECE DI STERMINARE LA RUSSIA CRISTIANA E L'EUROPA DEI ROTTI DI CULO! "Obama Killer" protesta davanti all'ambasciata USA a Mosca. 15:04 27.01.2016URL abbreviato013710. Azione di protesta davanti all'ambasciata USA a Mosca, esposta una gigantografia con il volto del presidente Obama e la scritta "killer". La protesta porta la firma del movimento "Glavpakat" ed è stata attuata mercoledì mattina. Cinque attivisti sono saliti sul tetto di un edificio di fronte all'ambasciata statunitense nella zona della centrale via Arbat a Mosca ed hanno esposto un megastriscione con il volto del presidente USA e la scritta "Killer": http://it.sputniknews.com/videoclub/20160127/1976211/obama-killer-protesta.html#ixzz3ySNQ7Po6
666 regno NWO Unito Gezabele 2

immediate sanzioni contro la TURCHIA, oppure guerra mondiale! ] [ Mentre nella NATO finanziano i terroristi, c’è chi li combatte davvero. 10:46 27.01.2016 URL abbreviato Tatiana Santi 036370. Kobane è il simbolo della resistenza contro i jihadisti in Siria, esattamente un anno fa la città veniva liberata dai curdi. È una vittoria costata cara, la città è tuttora distrutta, ma con le sue macerie rappresenta una testimonianza di chi la guerra ai jihadisti l’ha fatta per davvero. Il Daesh rappresenta una minaccia per tutti, è un male da sconfiggere, allo stesso tempo però c'è chi parla ancora di "ribelli moderati", cioè combattenti di Al Qaeda o al-Nusra. Ci sono Paesi, anche membri della NATO come la Turchia, che finanziano i tagliagole comprando il loro petrolio e che facilitano il passaggio dei jihadisti verso la Siria attraverso il proprio confine.Tra i combattenti che hanno liberato Kobane c'era anche Karim Franceschi, un ragazzo italiano. Nel libro "Il combattente", edito da Rizzoli, Karim ripercorre la resistenza di Kobane e le sue battaglie contro il Daesh nelle fila dello YPG, l'unità di protezione del popolo curdo. Sputnik Italia ha parlato con Karim Franceschi della sua esperienza e del ruolo della Russia nella lotta contro il Daesh.Come ritiene Karim, l'intervento russo in Siria è importantissimo, perché "ha permesso un cambiamento. La Russia è uno di quei Paesi che sta realmente combattendo i jihadisti, ha un atteggiamento molto più chiaro su questo e combatte tutti i terroristi senza distinzioni". — Ti sei unito ai curdi per combattere contro i jihadisti. Com'era organizzata la resistenza curda di Kobane?
— Lo YPJ e lo YPG sono le unità di protezione del popolo curdo, sono le unità difensive del Rojava. Il Rojava è nato come primo esperimento democratico in Siria. L'FSA (Esercito siriano libero) è democratico, ma il problema è che qualsiasi banda di criminali può diventare FSA. Queste unità vanno di gruppo in gruppo: puoi trovare il comandante onesto oppure il criminale. Non parliamo poi dei "ribelli moderati", fra di loro c'è al-Nusra, cioè Al Qaeda, sostenuta, amata e finanziata dalla Turchia.
Il Rojava è l'unico sistema all'interno della Siria, che non chiede l'indipendenza, ma l'autonomia, è un sistema basato sulla democrazia reale, sul femminismo in una terra dove le donne sono costrette a mettere il velo e obbedire al marito. Nel Rojava le donne possono diventare generali, sindaci. Inoltre le diverse etnie e religioni convivono: gli aziri, i cristiani, i musulmani vivono insieme, formano una coalizione che si chiama "Forze democratiche siriane". — Che ne pensi dell'intervento russo in Siria? Possiamo dire che la lotta contro i jihadisti è diventata più massiccia dopo quest'intervento?
[ Contrabbando di petrolio del Daesh. Israele: il Daesh fornisce petrolio alla Turchia già da molto tempo ] — L'intervento della Russia in tutto questo è importantissimo, perché la Turchia in questo momento sta finanziando l'ISIS, sta comprando il loro petrolio, abbiamo visto prove fotografiche di questo ultimamente. La Turchia ci ha minacciato di continuo, ogni tanto ci sparava contro qualche carro armato dal confine turco, specialmente vicino a Tell Abyad nel cantone di Kobane. Gli americani in tutto questo, certo, ci danno supporto a livello di bombardamenti, ma non danno armi, non danno supporto politico. La Turchia ogni volta ne combina una nuova. La coalizione non le dice niente. Intanto il Rojava è sotto embargo. La battaglia all'ISIS diventa ancora più difficile. L'intervento della Russia ha permesso un cambiamento. La Russia è uno di quei Paesi che sta realmente combattendo i jihadisti e lo fa senza il compromesso che usano gli Stati Uniti, parlando della Turchia come di un alleato. È un'ipocrisia, perché la Turchia non è alleata, sappiamo che tutti i jihadisti passano attraverso la Turchia, la quale continua a combattere contro i curdi siriani. La Russia ha un atteggiamento molto più chiaro su questo e combatte tutti i jihadisti senza distinzioni. Come noi nel Rojava non distinguiamo l'ISIS e al-Nusra. Noi li chiamiamo tutti "criminali".
— Il Daesh è un nemico di tutti. Vista la tua esperienza diretta, secondo te come si può sconfiggere il Daesh, bastano le bombe?
— Quando c'è stato l'attentato a Parigi a novembre ero nel Rojava, mi trovavo con un volontario francese. È stato chiaro in quel momento per noi due e per tutti: la battaglia contro l'ISIS è una battaglia di tutta l'umanità. Tutti quelli che credono nei valori umani e nella libertà sono obiettivi legittimi dell'ISIS. Non importa se ti trovi in Francia, in Italia o in Siria. La loro macchina militare è pronta a colpirti per quello in cui credi. Loro odiano la democrazia.
Come sconfiggere l'ISIS? Questi popoli si devono unire, si devono mettere da parte gli interessi geopolitici e del petrolio e bisogna combattere l'ISIS. Non bastano le bombe buttate su Raqqa, non serve mandare il proprio esercito. Noi contiamo fra Iraq e Siria 80 mila combattenti dell'ISIS. Non puoi mandare 100 mila marines a sconfiggerli, faresti il loro gioco. In questo scontro loro vogliono richiamare alle crociate. Bisogna sostenere quei popoli in cui ci riconosciamo nel pensiero, nelle parole e nei valori. Bisogna sostenere quei popoli che credono nei valori democratici, dare loro la possibilità di sconfiggere l'ISIS. Vanno sostenuti con i bombardamenti e finanziamenti, vanno addestrati e armati, ma soprattutto sostenuti politicamente. Questo significa sanzionare la Turchia, anche se è membro della Nato: http://it.sputniknews.com/mondo/20160127/1970579/lotta-al-terrorismo-daesh-turchia-siria.html#ixzz3ySLCmB5u
ecco perché io ho giurato di farvi morire tutti!
in una seconda (alunni di 16 anni), oggi, io ho detto: "per la Bibbia è peccato mortale la omosessualità" ] io NON HO FATTO ALTRE CONSIDERAZIONI, PERCHé, SI PARLAVA, soltanto, DEL VALORE UNIVERSALE CHE VIENE ATTRIBUITO ALLA VERGINITà CONSERVATA PRIMA DEL MATRIMONIO! [ ma, un alunno mi ha detto: "io la posso querelare per danni morali!" ] ed io ho risposto: "prima di querelare me: tu devi querelare la Bibbia ed il Papa, che dicono queste cose" e lui ha risposto: "certamente, io querelerò prima loro, e dopo querelerò, anche, lei per danni morali!"
666 regno NWO Unito Gezabele 2
Persecuted is Global Assault by satan, and his satanisms, on innocent martyr Christians
666 regno NWO Unito Gezabele 2
E chi può dire che il PARADISO non esiste? TU senti, come sono TUTTI in trionfo! e chi può dire che lo INFERNO non esiste? TU senti come sono disperati! PERCHé QUESTI VERMI SHARIA URTICANTI CHE PRIMA NON ESISTEVANO? SONO STATI CREATI PROPRIO ADESSO, ED HANNO INVASO L'INFERNO!
666 regno NWO Unito Gezabele 2
non potendo Israele da solo dichiarare guerra a tutto il GENERE UMANO, il minimo che può fare e deportare tutti i palestinesi, ma, non in quanto palestinesi, perché è con gli islamici sharia della LEGA ARABA che è impossibile convivere pacificamente! ECCO PERCHé I SACERDOTI DI SATANA E DELLA CIA, CON I LORO FARISEI SPA FED, BANCA MONDIALE, ECC.. NWO, VI STANNO TRASCINanDO IN UNA GUERRA MONDIALE NUCLEARE, CHE IO PRETENDO VENGA COMBATTUTA IN ARABIA SAUDITA: E CHE, LASCERà QUASI SENZA ESSERI UMANI TUTTO IL PIANETA!! 27.01.2016. URL abbreviato 04500. Il primo ministro israeliano contro il segretario generale delle Nazioni Unite dopo le sue parole sulla frustrazione palestinese ed il pesante giudizio sull'attività di colonizzazione israeliana. Durissimo botta e risposta ieri, alla vigilia della giornata della memoria, tra il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ed il segretario generale delle nazioni Unite Ban Ki Moon, con quest'ultimo accusato di incoraggiare il terrorismo. Le parole usate da Ban Ki Moon per definire l'attività di colonizzazione della West Bank da parte israeliana ha infatti fatto scattare ieri la durissima reazione verbale di Netanyahu, che ha tuonato contro il segretario generale dell'ONU. "Gli assassini palestinesi non vogliono costruire una nazione, vogliono distruggere la nostra. Non uccidono in nome della pace e o dei diritti umani". Così Netanyahu, nelle ore in cui Ban Ki Moon presiedeva un dibattito al Palazzo di vetro sugli ultimi quattro mesi di assalti all'arma bianca dei palestinesi contro Israele. "Come i popoli hanno dimostrato nelle varie epoche — aveva detto Ban Ki Moon pur condannando senza esitazione le violenze ed i lanci di razzi dalla Striscia — è naturale reagire all'occupazione". Il duro botta e risposta arriva nelle ore in cui, dopo 18 mesi di silenzio sull'argomento, il ministero della Difesa israeliano ha approvato la costruzione di nuove colonie in Cisgiordania. "L'attività di colonizzazione — aveva detto Ban Ki Moon — è un affronto per il popolo palestinese e per la comunità internazionale": http://it.sputniknews.com/mondo/20160127/1972167/netanyahu-ban-ki-moon-terrorismo.html#ixzz3yS4YLuRt
666 regno NWO Unito Gezabele 2
il delitto di Ban Ki Moon è un delitto ideologico, infatti lui dice: "è naturale reagire all'occupazione" ] MA [ MA, tutta la LEGA ARABA è un solo gigantesco genocidio, è tutta una entità occupante, infatti, la sua è una teologia del genocidio e della sostituzione, che è il più spietato nazismo SHARIA della storia del genere umano! SOLTANTO FACENDO IL GENOCIDIO di tutta la LEGA ARABA, IL GENERE UMANO POTREBBE SOPRAVVIVERE, E NON ESISTE UN PIANO POLITICO ALTERNATIVO, ISLAMICI SAUDITI POSSONO TUTTI ESSERE UCCISI tutti sterminati, BISOGNA NASCONDERE LA PIETà E BISOGNA STERMINARE TUTTA LA LEGA ARABA, AL PIù PRESTO! In queste condizioni di violazione di reciprocità, tutta l'Europa verrà islamizzata, entro i prossimo 30 anni, e tutti i diritti umani, andranno perduti per sempre! Cosa ONU e Ban Ki Moon hanno scopo di esistere ancora, un solo minuto di più, se non rappresentano più i diritti umani?
666 regno NWO Unito Gezabele 2
il delitto di Ban Ki Moon è un delitto ideologico, infatti lui dice: "è naturale reagire all'occupazione" Se ci sia una occupazione? questo non si può dire: è opinabile: 1. ebrei sono sempre stati li: ininterrottamente! 2. ebrei hanno comprato con il denaro quella terra! 3. ebrei hanno vinto tutte le guerre, 4. ogni atto di terrorismo ha un suo prezzo territoriale, al punto che palestinesi sono completamente fuori della terra! MA LA COSA PIù SCANDALOSA è QUESTA: COME hanno POTUTO restituiRE il deserro egiziano in cambio di nulla! Se Enlightened sPa FMI, FED, NWO 666 GUFO BAAL DIO, non avevano in animo di annientare Israele e tutto il genere umano? non avrebbero mai costretto GLI ISRAELIANI a restituire il deserto egiziano! QUI SEMBRA CHE IL SANGUE DEGLI ISRAELIANI SIA MERDA!
666 regno NWO Unito Gezabele 2
IN EUROPA, noi ORMAI SIAMO AL MANICOMIO: ideologico, politico, normativo, relativistico anarchico etico e morale, E QUESTO è IL MINORE DEI MALI, IN UNA SITUAZIONE DI PRIVAZIONE DI SOVRANITà MONETARIA E DI privazione di: SOVRANITà POLITICA, INFATTI, noi SIAMO UNA COLONIA DEGLI USA CIA NATO: CHE SI DEVE SBRANARE CONTRO LA RUSSIA PER FARE FELICI I NAZISTI DELLA LEGA ARABA: e i fariesi Rothschild del sistema massonico Veltroni d'Alema che sono sempre stati l'anticristo: che, ha pianificato ogni Olocausto Shoah per detenere il monopolio del FMI SPA!! La risoluzione PACE anti-Crimea? Un nuovo fake di Kiev 27.01.2016) URL abbreviato 09801. Il presidente della commissione Esteri della Duma Alexey Pushkov ha accusato il deputato ucraino Georgiy Logvinsky di aver mentito sulla risoluzione adottata dall'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa sulla Crimea e il Donbass. "Non c'è "alcuna punizione" per i deputati che hanno visitato la Crimea o il Donbass, il PACE non l'ha deciso e non lo può deliberare. Si tratta di un altro fake "made in Ukraine", — il politico russo ha scritto nel suo microblog su Twitter. Pushkov ha osservato che l'Assemblea Parlamentare è un organo consultivo del Consiglio d'Europa, per cui le sue risoluzioni sono di natura consultiva."Non ha diritto di vietare o autorizzare i deputati," — ha aggiunto il politico. In precedenza il deputato ucraino del "Fronte Popolare" Georgiy Logvinsky aveva riferito che, secondo la risoluzione approvata dal PACE, i parlamentari europei che in violazione alle leggi ucraine si sarebbero recati in visita nel Donbass o in Crimea sarebbero stati sanzionabili: http://it.sputniknews.com/politica/20160127/1975363/Ucraina-Donbass-Pushkov.html#ixzz3yS2jdJiX
666 regno NWO Unito Gezabele 2
ONU ha smesso di difendere i diritti umani, protegge la sharia, e quindi gli islamici hanno dilagato per il mondo, ecc. .ecc..
666 regno NWO Unito Gezabele 2
TUTTO QUELLO CHE, VOI DATE AI TURCHI IN TERMINI DI RICCHEZZA, SI TRASFORMERà IN UN RICATTO SHARIA TERRORISMO, E, addirittura IN UNA MINACCIA MILITARE CONTRO LA EUROPA! NO! la Turchia deve essere colpita dal più pesante embargo economico della Storia del genere umano! ] [ 26.01.2016. Il Ministro degli esteri turco Mevlüt Çavuşoğlu ha dichiarato che Ankara vorrebbe superare la situazione nei rapporti con Mosca originatasi dopo l’incidente con il caccia russo Su-24. Il Ministro degli esteri turco ha ricordato che a dicembre a incontrato a Belgrado il Ministro degli esteri russo Sergej Lavrov. "Ci siamo messi d'accordo di mantere questo canale diplomatico aperto", ha detto Çavuşoğlu a RIA Novosti. "Purtroppo, adesso siamo in questa situazione. Vorremmo superarla", ha sottolineato. A questo proposito Çavuşoğlu ha indicato che "la Turchia non ha mai tentato di aggravare il conflitto, in più, ci stiamo impegnado a fare tutto il possibile per trovare una soluzione a questo incidente che, sventuratamente, si è verificato". "Siamo spiacenti che sia successo, perchè la Russia non è solo un nostro partner, ma un partner importante", ha detto Çavuşoğlu. I rapporti tra Russia e Turchia sono entrati in crisi dopo che, il 24 novembre, un caccia turco F-16 ha abbattuto in Siria un cacciabombardiere russo Su-24. Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin lo ha definito una "coltellata alla schiena" da parte dei complici dei terroristi: http://it.sputniknews.com/mondo/20160126/1966806/tuchia-rapporti-russia.html#ixzz3yQDrETGJ
666 regno NWO Unito Gezabele 2
NESSUNA GUERRA DURA PER SEMPRE! BISOGNA BOMBARDARE LA ARABIA SAUDITA Wahhabita salafita, PERCHé LA GUERRA POSSA FINIRE IN SIRIA E IRAQ E LIBIA! ED è BELLO, PER I SIRIANI RITORNARE ALLA LORO PATRIA! COSì COME PER TUTTI GLI EBREI DEL MONDO RITORNARE IN ISRAELE! ED IO SONO IL REGNO CHE TUTTI LORO POTREBBE ACCOGLIERE, IN PACE E FELICITà! OGGI è PIù ECONOMICO ASSISTERE I PROFUGHI IN TURCHIA, con tendopoli, ecc.. E DIRE LORO CHE PRESTO RIENTRERANNO NELLA LORO PATRIA, PERCHé I RUSSI CACCERANNO I TERRORISTI CHE GLI USA HANNO MANDATO! ai TURCHI I SOLDI POSSONO ESSERE DATI, SE LORO DANNO IN CAMBIO UNA RENDICONDAZIONE DELLE SPESE! E NOI DOVREMMO ESSERE LI CON PRESIDI MEDICO SANITARI EDUCATIVI E RICREATIVI: PERCHé NON SI POSSONO FERMARE I MIGRANTI CON LA REPRESSIONE!! Secondo il premier ceco, Robert fico, "la protezione dei confini di Bulgaria e Macedonia potrebbe evitare le discussioni circa l'estromissione della Grecia dall'area Schengen". Il gruppo Visegrad cerca le soluzioni che la Ue non trova, 26.01.2016 Priorità alla difesa dei confini di Bulgaria e Macedonia: http://it.sputniknews.com/politica/20160126/1967910/ue-visegrad.html#ixzz3yQBnMQDi
666 regno NWO Unito Gezabele 2
TUTTO QUELLO CHE GLI USA HANNO FATTO IL IRAQ E SIRIA è STATO DISTRUGGERE 2000 ANNI DI CRISTIANESIMO, STERMINARE 3,2 MILIONI DI CRISTIANI! OGNI LORO MOVIMENTO, è ILLEGALE ED è DEVASTANTE! LORO HANNO RIEMPITO LA SIRIA DI TERRORISTI CHE ORA VOGLIONO CACCIARE? STANNO ANDANDO AD OTTENERE soltanto, UNA ennesima PREDAZIONE ED UNO SCONTRO MILITARE CON LA RUSSIA! i massoni ED I SACERDOTI DI SATANA, ED I TURCHI INVASORI? DEVONO ESSERE FERMATI! DATO CHE I TURCHI NON VOGLIONO ANCORA USCIRE DA CRETA! [ 25.01.2016) Comincia una nuova offensiva occidentale contro Putin e la Russia. [ Vice Presidente USA Joe Biden, Il vicepresidente degli USA ha espresso la disponibilità a una soluzione militare in Siria ] I segnali sono chiari: Ashton Carter, capo del Pentagono, annuncia che gli Stati Uniti stanno cominciando ad affrontare il problema di un intervento sul terreno in Siria. Il vice-presidente Joe Biden va in Turchia per rafforzare i legami con l'alleato della Nato, e annuncia l'ipotesi di un intevento congiunto turco-americano nello stesso scenario. In violazione plateale della legge internazionale, che non li autorizza a questo. Ma siamo ormai nell'era dell'assenza di regole. Dunque bisogna trovare una spiegazione pratica. [ Caccia Su-34 nell'aeroporto Hmeimim, in Siria (foto d'archivio) © Sputnik. esclusiva, Dmitriy Vinogradov Non USA, ma Russia ha messo in fuga Daesh in Siria: distorta propaganda Occidente ] La Russia sta vincendo, da sola, la guerra contro Daesh, e controlla sostanzialmente e legalmente tutto lo spazio aereo della Siria. La fine dello Stato Siriano è scongiurata. Bashar al-Assad sarà — stanti così le cose — al tavolo negoziale. Bisogna fermarla prima che gl'incontri di Ginevra avviino la soluzione politica. Biden e Carter sono rappresentanti delle due fazioni nell'amministrazione Obama. Dunque c'è da attendersi qualche cosa di grosso. La recente visita alla base russa di Latakia, al possente sistema difensivo costruito da Mosca in Siria — organizzata dal Ministero della Difesa russo e alla quale ho potuto prendere parte — ha permesso a decine di canali televisivi occidentali di filmare la situazione sul campo. Quelle immagini stanno facendo il giro del mondo, insieme a quelle della ritirata in atto di Daesh da molti dei fronti di guerra. [ L’Europa ha capito che non è la Russia il nemico? ] Ripeto: bisogna fermare Mosca. E Putin, che in questi ultimi quattro mesi ha conquistato posizioni su posizioni nelle opinioni pubbliche occidentali, superando nei ratings perfino i leaders locali. Questo perché sono ormai molti coloro che cominciano a comprendere che la Russia, ben diversamente dall'immagine del "nemico" che si è cercato di formare, appare sempre di più come un partner e un alleato a un'Europa inquieta, anzi terrorizzata. Senza guida politica, senza piano per fronteggiare il terrorismo vero, le provocazioni artificiali come quella di Colonia, la crisi economica e sociale che non accenna a diminuire: http://it.sputniknews.com/mondo/20160125/1953929/intervento-usa-siria-carter-biden-russia.html#ixzz3yQ8eI6Us
666 regno NWO Unito Gezabele 2
SOLTANTO DISTRUGGENDO LA NATO, NOI POTREMO SALVARCI DA QUESTA TRAPPOLA DI GUERRA MONDIALE, CHE è STATA PIANIFICATA PER DISTRUGGERE: EUROPA RUSSIA E ISRAELE! INFATTI IL NWO è IL FARISEO MASSONE ANTICRISTO DI SEMPRE, è LUI CHE HA DECISO DI ISLAMIZZARCI! 26.01.2016 Il Ministro della difesa israeliano Moshe Ya'alon ha dichiarato che i guerriglieri del Daesh vendono petrolio alla Turchia già da molto tempo. Lo ha reso noto l’agenzia RIA Novosti. Il Ministero della difesa russo nel dicembre 2015 ha fornito le prove della partecipazione dei jihadisti nel trasporto su larga scala di petrolio verso la Turchia attraverso il confine siriano. A sua volta il presidente turco Recep Erdogan ha dichiarato che avrebbe dato le dimissioni se sarebbero emerse le prove che la sua famiglia fosse collegata con il business del petrolio del Daesh. Il 22 gennaio il Ministro della difesa USA Ashton Carter ha dichiarato che la Turchia deve intensificare gli sforzi nella lotta contro il Daesh, incluso chiudere i propri confini con la Siria ai guerriglieri: http://it.sputniknews.com/mondo/20160126/1968829/daesh-petrolio-turchia.html#ixzz3yQ6oZNg9
666 regno NWO Unito Gezabele 2
LA UE SI STANNO COMPORTANDO: COME UNA "NON DIPLOMAZIA", MENTRE GLI USA SONO SENZA PUDORE LANCIATI A OTTENERE NO SCONTRO MILITARE: DIRETTO, DI CUI PROPRIO EUROPA DIVENTERà LA VITTIMA! SOLTANTO I TRADITORI NON VORREBBERO UNA IMMEDIATA DISTRUZIONE DELLA NATO, DATO CHE LA NATO SIGNIFICA ANCHE TURCHIA! (26.01.2016) I paesi occidentali stanno conducendo contro la Russia una dichiarata guerra informativa. Lo ha annunciato martedi il vice capo dell’Accademia dello stato maggiore il generale maggiore Sergej Chvarkov. "Contro la Russia è in corso una dichiarata (dall'Occidente) guerra d'informazione", ha detto il generale. In relazione a ciò, ai principali rischi bellici esterni la Russia ascrive l'utilizzo di tecnologie informatiche e delle comunicazioni con scopi bellico-politici per l'esecuzione di azioni che infrangono il diritto internazionale, la sovranità, l'indipendenza politica e l'integrità territoriale dello stato. "Nel novero dei principali rischi bellici risalta l'attività di influenza informativa sulla popolazione, soprattutto sui giovani, con l'obiettivo di indebolire le tradizioni storiche, intellettuali e patriottiche nell'ambito della difesa della patria", ha detto Chvarkov: http://it.sputniknews.com/mondo/20160126/1965650/guerra-informatica-russia.html#ixzz3yQ5wT9RO
666 regno NWO Unito Gezabele 2
UNA VOLTA, TANTO TEMPO FA L'INDIA ERA UNA DEMOCRAZIA! In India, one case of anti-Christian violence every day, Published: Jan. 21, 2016 by Anto Akkara, Rahul Nayak, 25, the eldest son of Dhubaleswar and Bhubudi Nayak, a Christian couple shot dead in Odisha in July 2015. Rahul Nayak, 25, the eldest son of Dhubaleswar and Bhubudi Nayak, a Christian couple shot dead in Odisha in July 2015. World Watch Monitor, Attacks on Christians in India were reported on an almost daily basis in 2015, according to a Christian advocacy group.
“The country saw 355 incidents of violence, including 200 major incidents, during the last year,” Joseph Dias, convener of Mumbai-based Catholic Secular Forum, told World Watch Monitor.
The forum’s report, released on 18 January, concluded that it is “not safe” to be a Christian in India. Seven pastors were killed, nuns were raped and hundreds of Christians were arrested under India’s anti-conversions laws. The report came as 12 people, including a blind couple and their three-year-old son, were arrested in the Dhar district of Madhya Pradesh, under the state’s anti-conversion law, which forbids conversions through “allurement” or “force”.
Seven of the arrested, including the blind couple, were released from jail on 17 January, according to local pastor Suresh Mandlo. Dias blamed the increase in incidents against Christians on the ruling Bharatiya Janata Party, or BJP. “The rise of the BJP has emboldened the [Hindu nationalist] fringe groups,” he said. “They feel that they can treat the Christians as soft targets under BJP's patronage and protection.” “Even the government is acting in a partisan manner,” added Dias, highlighting two recent high-profile cases involving foreign clerics.
A desecrated statue of the Virgin Mary in Kandhamal, Odisha, in 2008, during India's worst example of anti-Christian violence, when 300 churches and 6,000 Christian homes were looted and burnt down, rendering 56,000 Christians homeless. A desecrated statue of the Virgin Mary in Kandhamal, Odisha, in 2008, during India's worst example of anti-Christian violence, when 300 churches and 6,000 Christian homes were looted and burnt down, rendering 56,000 Christians homeless. World Watch Monitor.In the first case, Sister Bertilla Capra, an Italian Catholic nun who had been working with leprosy victims for four decades, was denied a renewal of her visa. Then, Hegumen Seraphim, a Russian Orthodox priest, was stopped at Chennai International Airport and deported. The Russian embassy said the treatment of the priest, who was detained at the airport for seven hours and denied food, was “unacceptable”.
“Such disrespect, shown to a priest from a friendly country, goes against the spirit of mutual affinity and cooperation characteristic of Russian-Indian relationship,” the statement added.
Dias said that “all these incidents point to an organised targeting of Christians at different levels”. “The hate speech is turning worse and the conversion rhetoric of the saffron family [Hindu fundamentalists] is vitiating the atmosphere and paving way for atrocities,” he added.
Days before the Catholic Secular Forum issued its report, the Vishwa Hindu Parishad, or World Hindu Council, claimed it had recently undertaken mass re-conversions of Christians and Muslims to Hinduism.
Praveen Togadia, the VHP’s international working president, declared on 8 January that the VHP had reconverted more than 500,000 Christians and 250,000 Muslims in the last decade with its Ghar Wapsi, or homecoming, initiative.
Two days later, VHP national general secretary Y. Raghavulu claimed that 800,000 Hindus were being converted to other faiths every year in India.
“The [VHP] claim to have converted Christians and Muslims to Hinduism is just to enthuse their cadres. Both [statements] are blatantly aggressive instances of hate to provoke violence,” Christian activist John Dayal told World Watch Monitor. “The statistics are products of feverish minds and a bankrupt ideology. Their real purpose is political – to arouse passions, sharpen polarisation and target religious minorities, and especially the Christian community.”
Hindu fundamentalists, Dayal added, “want to criminalise Christian presence and social work as a conversion conspiracy by Western powers”.
Rev. Vijayesh Lal, national director of the Religious Liberty Commission of the Evangelical Fellowship of India, told World Watch Monitor that “violence against Christians has always been justified using the propaganda about conversion”.
“Using conversions as a means of justifying violence has been used since the mid-1990s by the Hindutva [Hindu nationalist] brigade,” he said. “What worries me is the total impunity with which the violence and hate speech is being carried out now.”
666 regno NWO Unito Gezabele 2
il MATRIMONIO è un diritto naturale, a cui nessun omosessuale può accedere, perché il matrimonio e la adozione dei figli non sono un diritto civile! 22/01/2016 VATICANO. Papa: “non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione”. Il matrimonio cristiano non è “un ideale per pochi, nonostante i moderni modelli centrati sull’effimero e sul transitorio”, ma “una realtà” che “può essere vissuta da tutti i fedeli battezzati”. Ma “quanti, per libera scelta o per infelici circostanze della vita, vivono in uno stato oggettivo di errore, continuano ad essere oggetto dell’amore misericordioso di Cristo e perciò della Chiesa stessa”.
666 regno NWO Unito Gezabele 2

quando si dice: "i cadaveri nascosti nell'armadio per troppo tempo? non hanno smesso di puzzare: ancora!" I RESPONSABILI DI QUESTA CONGIURA UE USA? VOI LI VEDRETE MORIRE TUTTI IN INCIDENTI AEREI A LORO VOLTA! (14.01.2016) L’aviazione russa ha dichiarato l'inattendibilità dei dati riportanti in un rapporto olandese sulle caratteristiche dei frammenti. L'aviazione russa ha annunciato sei nuovi fatti di inattendibilità riguardanti l'abbatimento del MH17 dal sistema missilistico Buk 9H314m. Questi dati sono contenuti in una lettera ufficiale del vice rappresentante dell'Aviazione Russa Oleg Storcheskij al rappresentante del Consiglio di sicurezza olandese Tibbe Yustra dopo l'apprendimento da parte degli esperti russi del risultato del resoconto olandese sulle circostanze dell'incidente del Boeing 777 malese: http://it.sputniknews.com/mondo/20160114/1885265/dati-inattendibili-aereo-malese.html#ixzz3xDFU0bO6
666 regno NWO Unito Gezabele 2

IL concetto giuridico di conversione forzata, è male interpretato! perché, è il convertito, che può denunciare soltanto, nel caso in cui con minaccie qualcuno, lo vuole coartare o dissuadere nei suoi propositi! NESSUNO PUò SAPERE AL DI FUORI DEL CONVERTITO, SE LA SUA TRATTASI di conversione forzata.
19/01/2012 INDIA. Kashmir, moglie di un pastore anglicano accusata di “adescamento” e conversioni forzate
02/12/2011 INDIA Rev. Khanna: Dopo la liberazione, non ho paura di tornare alla mia Chiesa
12/04/2013 INDIA Kashmir indiano, arrestati due cristiani per false accuse di conversioni forzate
13/01/2012 INDIA Corte islamica del Kashmir incrimina il rev. Khanna e p. Jim Borst di proselitismo
30/11/2011 INDIA Kashmir, rilasciato il pastore anglicano che ha battezzato sette musulmani
http://www.asianews.it/notizie-it/Kashmir:-a-rischio-la-vita-del-pastore-anglicano-che-ha-battezzato-7-giovani-musulmani-23260.html
666 regno NWO Unito Gezabele 2
I SACERDOTI DI SATANA: I FARISEI fed spa bce; ECC.. DELLA CIA NATO USA? HANNO FATTO LA LORO RIFORMA SATANICA, HANNO CREATO I SALAFITI WAHHABITI SAUDITI, CHE HANNO AVVELENATO LA LEGA ARABA, PERCHé LE BANCHE CENTRALI HANNO BISOGNO DI FARE LA GUERRA MONDIALE: AL PIù PRESTO! ISLAM, Arabia saudita contro Iran per il dominio nel mondo islamico. di Samir Khalil SamirA monte di tutti i problemi politici ed economici che spingono allo scontro fra le due potenze regionali, vi è un braccio di ferro fra due modi di vivere l’islam: quello più tollerante e razionale dello sciismo e quello fondamentalista e violento del sunnismo. L’Arabia saudita amplia la sua egemonia con aiuti economici, costruzione di moschee e invio di imam wahhabiti. Il fondamentalismo – così vicino all’ideologia dell’Isis – emerge anche in Paesi un tempo tolleranti: Egitto, Indonesia, Malaysia, Indonesia. È urgente una riforma dell’islam che lo salvi dalla crisi più profonda degli ultimi due secoli. http://www.asianews.it/notizie-it/Arabia-saudita-contro-Iran-per-il-dominio-nel-mondo-islamico-36336.html
666 regno NWO Unito Gezabele 2
QUESTA è LA STESSA IDEOLOGIA WAHHABITA SAUDITA SALAFITA, ISIS SHAIA è NEL LORO SOLCO IDEOLOGICO: E NEI LORO PROGETTI FINANZIARI! GLI USA CON QUESTA ALLEANZA HANNO ROVINATO IL GENERE UMANO! ] [ L'Isis in Libia ha proibito ai giovani di Sirte di indossare "pantaloni attillati". Come scrive il sito Alwasat. Lo ha riferito un abitante della città libica conquistata dallo Stato islamico sull'omonimo Golfo. Sirte, luogo di nascita di Muammar Gheddafi, è sempre stato bastione di estremisti fin dalla caduta dell'allora rais nel 2011 ed è stata presa dallo Stato islamico in maniera graduale tra l'inverno e il giugno scorsi diventandone la 'capitale' in Libia. Già in passato erano trapelate informazioni di una rigorosa applicazione di divieti islamici fra l'altro con confische di cd musicali e sigarette.
================
gli angeli santi di Dio JHWH non posso essere uccisi, e non possono perdere il loro corpo angelico: perché la fede in Dio non può essere vinta dall'esterno: la FORTEZZA DELLA FEDE NON PUò ESSERE DEMOLITA DALL'ESTERNO! ma gli angeli ribelli hanno perso il corpo angelico e sono diventati ombre disperate all'inferno! SCEGLI DI COMBATTERE CON CHI? AGGREGATI ALLA TUA SCHIERA, IL TUO DESTINO SI COMPIE!
========================
Obama treats Netanyahu and Putin the same
Obama considera Netanyahu e Putin stesso
 http://worldisraelnews.com/obama-treats-netanyahu-putin/
====================
ISLAM SHARIA è INCOMPATIBILE CON LA SOPRAVVIVENZA DEL GENERE UMANO! OGNI AZIONE CHE NON SIA UNA AZIONE DI CONTRASTO è UN ATTO DI ALTO TRADIMENTO: CONTRO I DIRITTI UMANI, CONTRO LA SOPRAVVIVENZA DELLA DIVERSITà SU QUESTO PIANETA, ISLAM SERVE è FUNZIONALE AL SORGERE DEL REGNO DI SATANA SPA NWO FED: LA GLOBALIZZAZIONE DELLA SCHIAVITù MONDIALE!! Amnesty: Dozens of juvenile offenders face death in Iran. January 26, 2016, As it gains acceptance by Western nations supposedly concerned with human rights, the Islamic Republic continues to be a world-leading human rights abuser. Dozens of people who were arrested in Iran for crimes committed before they turned 18 remain at risk of the death penalty despite recent reforms, with many having already spent years on death row, according to a report by Amnesty International released on Tuesday.The London-based group also found that Iran has executed at least 73 juvenile offenders between 2005 and 2015, including at least four last year. Amnesty’s 110-page report intensifies pressure on Iran at a time when Tehran is working to rebuild relations with the West following last year’s controversial nuclear deal. The agreement came into force this month after Iran took steps to curb its nuclear program, leading to the lifting of crippling international sanctions. On Monday, Iranian President Hassan Rouhani arrived in Rome at the start of the first European trip by an Iranian president in almost two decades. The visit, which will also include stops at the Vatican and France, is expected to lead to a raft of business and trade deals. One of the World’s Biggest Enforcers of the Death Penalty. Iran is one of the world’s largest users of the death penalty, ranking second behind China in 2014, according to the most recent figures from Amnesty. Most executions overall in Iran are carried out for drug smuggling. The country straddles a major narcotics trafficking route linking opium-producing fields in Afghanistan to Europe. Amnesty’s researchers were able to identify the names and locations of 49 juvenile offenders who face the death penalty, though the group notes that actual numbers could be higher. A 2014 UN report put the number of juvenile offenders at risk of execution at more than 160. The majority of the 73 juvenile offenders Amnesty identified who were put to death over the past decade were convicted of murder. Others were executed for crimes such as rape, drug-related crimes and national security offenses such as “enmity against God.” The group noted that reforms introduced in 2013 give judges more discretion to take into account juvenile offenders’ mental maturity and potentially impose less harsh punishments, and that the Supreme Court has since said juvenile offenders facing execution could have their cases retried. Additional reforms introduced last year require that cases involving juveniles must be heard in special juvenile courts. Still, Amnesty urged Iran to do more. “Despite some juvenile justice reforms, Iran continues to lag behind the rest of the world, maintaining laws that permit girls as young as nine and boys as young as 15 to be sentenced to death,” Amnesty said. Iranian officials could not immediately be reached for comment. In late October, the United Nations’ special investigator on the human rights situation in Iran, Ahmed Shaheed, warned that executions in Iran have risen at an “exponential rate” since 2005 and could top 1,000 in 2015. He said Iran puts more people to death per capita than any other country, adding that the majority of executions do not conform to international laws banning the death penalty for juveniles and non-violent offenders. The head of Iran’s Human Rights Council, Mohammad Javad Larijani, subsequently dismissed the UN report as “a collection of baseless accusations.”
=======================
Vatican to Iran: You must stop spread of terrorism. January 27, 2016. Tehran is wasting no time in exploiting the post-nuclear deal reality, as President Rouhani is accepted in European capitals as if he is a long-lost friend. Pope Francis held talks with Iran’s president at the Vatican Tuesday, calling on Tehran to play a key role in stopping the spread of terrorism as Iran tries to improve its image in the global arena following an agreement on its nuclear program. The pontiff warmly clasped the hand of President Hassan Rouhani in the first official call paid on a pontiff by an Iranian president since 1999. They held 40 minutes of private talks before Rouhani met with other top Vatican officials. The talks “delved into the conclusion and application of the nuclear accord, and the important role that Iran is called upon to play, together with other countries of the region, was highlighted,” the Holy See said. It added that that role should “foster adequate political solutions to the issues plaguing the Middle East, fighting the spread of terrorism and arms trafficking.” The Holy See’s appeal is somewhat peculiar, as Iran runs global terror networks and is one of the chief proponents of terrorism in the Middle East, with activities in Iraq, the Gulf States, Yemen, Syria, Lebanon, the Gaza Strip as well several African countries. The “cordial” talks also stressed common spiritual values, the statement said. Rouhani to Pope: Pray for Me, Pope Francis and Iranian President Hassan Rouhani. Iranian President Hassan Rouhani leafs through a book he gave to Pope Francis as a gift. Usually it’s the pope who asks his audience to pray for him. This time, after the two men spoke with the help of Italian and Farsi language translators, it was the guest who asked the pope for prayers. “I ask you to pray for me,” Rouhani said. The Vatican meeting was a key part of the Iranian effort to take a more prominent place on the world stage after the nuclear deal with Western powers. Iran, which agreed to limit its nuclear activities in exchange for an end to economic sanctions, is eager to carve out a bigger role in mediating Middle East conflicts. Francis’ papacy has emphasized mediation and conflict-resolution, including his role in helping Cuba and the United States to normalize their relations. Rouhani heads to France Wednesday on his four-day European trip seeking to boost Iran’s image abroad as well as to rehabilitate economic ties with a continent that had been a big trade partner before the sanctions.
Francis gave Rouhani a medal depicting St. Martin giving his cloak to a poor man in the cold, describing the saint’s act as “a sign of unsolicited brotherhood.” Rouhani brought a hand-made rug as a gift, and emphasized it was made in the Iranian holy city of Qom.
Before going to the Vatican, Rouhani told a forum of business leaders in Rome that “Iran is the safest and most stable country of the entire region.” Italy also sees Iran as a potential peacemaker in Syria’s civil war, as the Italian government fears the warfare will further destabilize Libya — just across the Mediterranean from southern Italy — fuel terrorism and jeopardize energy security. “Italy has always backed the role of Iran as a regional player in resolving tensions in the area, starting with the Syrian crisis,” Foreign Minister Paolo Gentiloni said after meeting his Iranian counterpart, according to his office.
Rouhani has described the political talks leading to the nuclear deal as a potential blueprint for pursuing peace in the Middle East. His European trip was originally planned for November, but postponed because of the attacks in Paris.
==========
What Bibi Netanyahu just revealed proves Israel has a bright future http://www.israelvideonetwork.com/what-bibi-netanyahu-just-revealed-proves-israel-has-a-bright-future/ The New Big Lie - Israel is Executing Palestinians'
=============
DIO JHWH holy: Lui mi ha ordinato di raccogliere tutti gli ebrei di tutto il mondo: ed io mi sto preparando, per fare un massacro colossale, contro tutti i traditori del Regno! Videos from Tel Aviv gunman's phone released; Shin Bet finds ISIS influence. Along with the revelation that Tel Aviv shooter Nashat Milhem was planning additional terror attacks, the Shin Bet released on Wednesday disturbing video footage found on the terrorist's cellphone. Milhem disposed of the phone in Ramat Aviv before murdering Shimon Ruimi and Alon Bakal during an attack on a pub on Tel Aviv's central Dizengoff Street, and later gunning down Druze taxi driver Amin Shaban in the north of the city. The footage shows Milhem, who family members have called mentally unstable, drinking copious amounts of alcohol, and talking about smoking hashish and snorting some unknown substance. Watch Here. He is also seen ranting in Arabic against Jews, cursing Muslims of the Shia sect and even threatening US President Barack Obama. In one video, Milhem calls Obama "the Christian" and orders him to convert to Islam threatening that the US President will need "Jesus to save him" if he refuses. Milhem also warned of his upcoming shooting, asserting a "second attack" was coming soon to Tel Aviv so the "Jews know who they're messing with." The terrorist's phraseology, particularly his diatribe against Shiites and demand that Obama convert to Islam, would seem to mirror language used by the Islamic State terror group.
====================
ISLAM SHARIA è UN DELITTO ASSOLUTO CONTRO LA LIBERTà, CONTRO I DIRITTI UMANI E CONTRO LA VITA: è INDISPENSABILE CHE LA LEGA ARABA, ONU E I LORO COMPLICI, VENGANO ANNIENTATI NEL LORO INSIEME! ANCHE QUESTI SI CHIAMANO "I PALESTINESI?" Nigeria: dall'odio alla libertà. Agnes, una donna resa vedova dall'estremismo islamico nel nord della Nigeria, ha ricominciato a vivere quando ha capito di dover perdonare i suoi persecutori grazie ad un seminario di Porte Aperte. Agnes ha una quarantina d'anni e proviene dallo stato di Benue nella Middle Belt della Nigeria. In questa regione i cristiani sono sempre più sotto pressione da parte degli estremisti islamici. Un giorno, nel 2008, mentre era in casa con suo marito John e i loro 9 figli, ha sentito il famoso grido di guerra islamico: 'Allahu Akbar! Allahu Akbar! (Allah è il più grande!)'. "Quando lo senti, sai che qualcosa di terribile sta per accadere", spiega Agnes. I musulmani avevano circondato il quartiere cristiano. L'intera famiglia si è unita agli altri che cercavano di fuggire, ma improvvisamente sono stati catturati e John e uno dei figli più grandi sono stati accoltellati ed uccisi davanti alla donna. Per tre giorni, il musulmano che ha ucciso John ha tenuto prigionieri Agnes e i bambini. Poi la donna ha contrattato per essere lasciata libera con i ragazzi. Nei mesi seguenti Agnes si è sentita completamente abbandonata da Dio. Non riusciva né a mangiare né a dormire. Tremava tutto il tempo. Odiava i suoi persecutori. Inizialmente sono stati i suoi parenti, sua madre e i suoi figli (che hanno dimostrato una fede straordinaria) ad incoraggiarla. Ma Dio non ha abbandonato Agnes. Le ha permesso di partecipare ad un seminario di cura dei traumi di Porte Aperte. "Per tutto il tempo Dio mi stava parlando, ma non ho mai capito quello che mi stava dicendo. Al seminario era come se l'unica parola che potessi sentire fosse: 'Perdona, perdona, perdona...'. Fino a quel giorno ho avuto un cuore duro e non avrei mai potuto perdonare gli uomini che hanno ucciso mio marito e figlio". Nell'ambito del seminario i partecipanti sono stati invitati a inchiodare simbolicamente i loro pesi ad una croce per rappresentare il passo di fede che stavano facendo. In quel momento è arrivata la svolta. "Quel giorno, ho detto: 'Sì, Signore, tu sei buono. Io ho bisogno di un cuore nuovo per perdonare queste persone'. Ho inchiodato il foglietto con la mia intenzione di perdonare sulla croce e sono riuscita a perdonare; è stato l'inizio di un nuovo corso". Porte Aperte è stato uno dei mezzi che Dio ha usato per guarire Agnes. Col nostro aiuto ha frequentato un corso di formazione professionale per le vedove e ha ricevuto un prestito per avviare una piccola attività. Inoltre Porte Aperte la ha aiutata anche a pagare le tasse scolastiche del suo figlio più piccolo. Oggi, Agnes sorride serenamente mentre parla della pace e della libertà che Dio ha dato al suo cuore.
    http://outlook-365.jimdo.com/ QUALCUNO vuole rubare i miei codici di accesso arrestatelo!
===========================
bisogna subito radere al suolo tutte le Moschee del mondo! bisogna annientare nel sangue tutta la LEGA ARABA! Friend, the situation in the Middle East requires immediate action.
View this email in your browser. Right now in the Middle East, there’s a deliberate attack on the Church with the purpose to destroy it. Believers have been forced to flee their homes, convert to Islam, give their wives to be used as prostitutes… and worse. For the first time, Open Doors is, through local partners and churches, feeding 25.000 Christian families every month just to keep them alive. I’ve never seen anything like this in 60 years! That’s why I’m asking for your January gift today to help reach the R10 230 703 goal for the Global Summer Offensive. Our brothers and sisters will be praising God for your generous support.
=========================
bisogna subito radere al suolo tutte le Moschee del mondo! bisogna annientare nel sangue tutta la LEGA ARABA! ARABIA SAUDITA è IL COLPEVOLE PRINCIPALE DEL TERRORISMO MONDIALE! Ten Christian pastors in the Rangpur district of northern Bangladesh received death threats on 25 November. The anonymous letter was sent to the leader of the Bangladesh Baptist Church Sangha (BBCS) in Rangpur, Rev. Barnobas Hembrom, and nine other pastors in the district. The letter reads: “Those who are preaching Christianity in Bangladesh must leave this world one by one.” The local police were informed immediately and are protecting the Baptist church. Please pray for the Church in Bangladesh: Pray for Rev. Barnobas Hembrom and for the safety and protection of the other pastors. Pray that they are able to continue to do God’s work with godly wisdom, power, and courage. Pray for the current situation in Bangladesh as many reports of terrorism against Christians are being reported in several parts of the country. Many of the incidents are not publicised for of fear of worsening the situation. Pray that the evil intentions of Islamic fundamentalists will be overcome by good and that their minds will be turned on Jesus. Bangladesh is approximately 89 percent Muslim and 0.66 percent Christian (1.2 million). The country is ranked #43 on the Open Doors 2015 World Watch List of places where Christian persecution is worst. Dieci pastori cristiani nel distretto di Rangpur nord del Bangladesh ricevuto minacce di morte, il 25 novembre. La lettera anonima è stata inviata al capo della Bangladesh Baptist Church Sangha (BBCS) a Rangpur, Rev. Barnaba Hembrom, e altri nove pastori del distretto. Nella lettera si legge: "Coloro che predicano il cristianesimo in Bangladesh deve lasciare questo mondo per uno." La polizia locale sono stati informati immediatamente e stanno proteggendo la chiesa battista. Si prega di pregare per la Chiesa in Bangladesh: Pregate per Rev. Barnaba Hembrom e per la sicurezza e la protezione degli altri pastori. Prega che sono in grado di continuare a fare il lavoro di Dio con la sapienza divina, potenza e coraggio. Pregate per l'attuale situazione in Bangladesh come molti rapporti di terrorismo contro i cristiani sono stati segnalati in varie parti del paese. Molti degli incidenti non sono pubblicizzati per paura di peggiorare la situazione. Pregate che le cattive intenzioni dei fondamentalisti islamici saranno superate da una buona e che le loro menti saranno trasformati su Gesù. Il Bangladesh è di circa l'89 per cento musulmano e 0,66 per cento cristiana (1,2 milioni). Il paese è alla posizione # 43 sul Open Doors 2015 World Watch List di luoghi in cui la persecuzione cristiana è peggiore.
===================
LE questioni morali più delicate, non le affronto da solo, ma, con la collaborazione dei centri culturali religiosi politici ed etici! Maternità Surrogata: la nuova schiavitù. 35 milioni e 800 mila schiavi nel mondo. La schiavitù non appartiene solo alla storia. Dall’antica Roma all’Africa, fino all’Asia la schiavitù persiste oggi con un nuovo volto. Donne e bambini ne sono i protagonisti. Dalla prostituzione, al traffico di organi, dall’immigrazione clandestina, allo sfruttamento sul lavoro… Il progresso avanza ogni giorno e con lui anche la criminalità diventa sempre più organizzata. Una nuova forma di sfruttamento sta sempre più emergendo, si chiama: “Maternità Surrogata” o “Utero in affitto”, un business colossale!!! Un business che agisce mascherato e venduto alla popolazione come atto d’amore. In realtà è un mero atto commerciale che prevede la vendita di bambini e lo sfruttamento di donne, spesso in stato di indigenza, per realizzare il capriccio egoistico di alcuni soggetti e lo sviluppo di un nuovo business… quello degli “allevamenti di esseri umani”. Donne sfruttate facendo leva sulla povertà, sulla assenza di cultura. Bambini venduti, strappati dal seno materno nei primi istanti di vita! Un business molto più semplice da sviluppare per gli sfruttatori, un business più redditizio… Quindi organizzazioni, reclutano donne con l’inganno, gestiscono la loro vita per 9 mesi, le privano di ogni forma di libertà. Si perché il contratto di maternità surrogata prevede proprio questo! https://www.youtube.com/watch?v=pqbey65nitk
Ignare di cosa le aspetta, vivono questa condizione per ottenere quel minimo di sopravvivenza economica. Private di dignità, della loro maternità, da esseri umani vengono mutate in contenitori, in oggetto. Partoriranno un figlio che qualora non rispettasse le attese, non verrà mai alla luce perché la coppia richiedente potrà richiedere la soppressione del feto senza che la madre possa opporsi. Se la gravidanza avrà complicazioni e sfocerà in un aborto spontaneo… nessun problema, si ricomincerà da capo tutta la pratica.
Donne tramutate in una foto e una riga di curriculum di un listino di vendita. Listino soggetto a scoutistiche e offerte last minute! La schiavitù esiste! Nonostante che il nostro codice penale la classifica come DELITTO, negli articoli 600 e 601, viene praticata e in una sua forma, quella della Maternità Surrogata, vuole essere legalizzata da alcuni soggetti!
Il video che proponiamo è il documentario “Google Baby” realizzato nel 2009 dalla regista israeliana Zippi Brand Frank https://youtu.be/pqbey65nitk
======================
se, gli LGBT rinunciano all'associazionismo: lobby "orgoglio gay" ideologico, ideologia GENDER, io posso concedere loro i diritti civili, ma, adozione bambini (tranne il caso di un figlio predente) e matrimonio? non sono un diritto civile! PRENDERE O LASCIARE! POI, SARà STATA DEI GAY LA RESPONSABILITà DELLA GUERRA MONDIALE! ¡Buenos días, lorenzoJHWH!
El veto del presidente de la República a la adopción de niños por parejas del mismo sexo ha reavivado en Portugal el debate sobre la familia y la infancia. Aníbal Cavaco Silva se negó este lunes a ratificar la ley aprobada el pasado 18 de diciembre por el Parlamento, que reconoce el derecho a adoptar niños a los “matrimonios” homosexuales. En una de sus últimas decisiones antes de traspasar la Presidencia el próximo 9 de marzo a Marcelo Rebelo de Sousa –ganador de las elecciones del pasado domingo–, Aníbal Cavaco, de 75 años, ha ejercido una facultad de veto que la Constitución de 1976 reconoce, y que solo en contadas ocasiones ha sido invocada desde la Jefatura del Estado. La crianza de niños por matrimonios de dos hombres o dos mujeres es una prioridad para el primer ministro, el socialista Antonio Costa. Su Gobierno depende del voto de la ultra izquierda en el Parlamento, con la que coincide, sobre todo, en la ruta para desplegar la ideología de género en las normas que regulan la familia, la educación o la libertad de expresión. La coalición portuguesa sirve de modelo al candidato socialista español Pedro Sánchez, que viajó a Lisboa para conocer de primera mano cómo se fraguó.

http://fastwebnetitmanagement.weebly.com/ ] ARRESTATE QUESTO CRIMINALE CHE VUOLE RUBARMI I CODICI DI ACCESSO!
============================
OK! VOI SIETE TUTTI TESTIMONI! ... ma IL CODICE FU RIMOSSO TEMPESTIVAMENTE!] [ Type your response ABOVE THIS LINE to reply lorenzo_scarola@fastwebnet.it Subject: http://evolutionxtalmud.blogspot.it/
JAN 26, 2016 | 05:09PM PST Admin 2 replied: Lorenzo, Thank you for your reply. You mentioned that you’re planning to remove our code from your website, I appreciate you letting me know. I’ll proceed as I originally outlined and delete your account at the end of the week. This will give you another 2-3 days to make any changes you need to make in your code; I understand that these things take time. If there’s anything else I can do to help, or if there’s anything else you need, don’t hesitate to get back in touch. Kindest regards, Kathryn ShareThis Support JAN 22, 2016 | 10:12PM PST lorenzo_scarola@fastwebnet.it replied:
NON so come potrebbe funzionare la democrazia con voi, se il sangue dei martiri cristiani viene soffocato: impunemente dalla comunità internazionale, se la mancanza di reciprocità della LEGA ARABA e il suo nazismo sharia, generano casi quotidiani di violenza che, io osservo come osservatorio del martirio dei cristiani da oltre 25 anni! CERTAMENTE IO ANDRò A RIMUOVERE IL VOSTRO CODICE DAL MIO SITO WEB IN OGGETTO E CI VEDIAMO NEL GIORNO DEL GIUDIZIO UNIVERSALE! distinti saluti Lorenzo Scarola
======================
La biblioteca di Pandora - Ferdinando Imposimato: I 55 giorni che cambiarono l'Italia ] DI COSA PUò ESSERE CAPACE DI FARE LA CUPOLA MASSONICA E BANCARIA MONDIALE!  Pubblicato il 24 gen 2016 https://youtu.be/j7TnWsYFWCc  Alberto Melotto presenta "I 55 giorni che cambiarono l'Italia" di Ferdinando Imposimato". Ex magistrato, attuale presidente onorario della Corte di Cassazione, Imposimato indagò in prima persona sul rapimento Moro, fino a convincersi che la vicenda, che costituì un punto di svolta per il corso politico dell'Italia, fu manovrata da soggetti "insospettabili".
===================
CIOè PIù MASSONICAMENTE DIPENDENTI? DOVE è LA NOSTRA SOVRANITà MONETARIA? IO VOGLIO VEDERE FUCILATI I TRADITORI DELLA COSTITUZIONE! L'Italia uno dei Paesi più corrotti dell'Unione Europea. 17:02 27.01.2016 URL abbreviato 629142, Secondo la Ong Transparency International, a livello mondiale c'è più trasparenza persino in Arabia Saudita, Namibia, Ruanda e Bahrein. L'Italia è uno dei Paesi più corrotti dell'Unione Europea. A comunicarlo è la testata giornalistica indipendente EUobserver, che si occupa principalmente di politica legata all'Unione Europea. EUobserver cita il rapporto di Transparency International, un'associazione non governativa e no profit, il cui obiettivo ultimo è "la totale eliminazione della corruzione dal mondo, un mondo nel quale governi, politica, mondo economico e società civile siano liberi dalla corruzione e seguano i più alti principi di etica e di interesse pubblico". Tra i criteri utilizzati da  Transparency International per valutare il livello di corruzione, la libertà di stampa, l'indipendenza del potere giudiziario e la disponibilità d'informazioni sul bilancio dello Stato. Tra i 168 Paesi presi in considerazione dagli esperti, i meno corrotti sono risultati essere la Danimarca, la Finlandia e la Svezia. All'estremità opposta della classifica, invece, troviamo la Somalia e la Corea del Nord. Per quanto riguarda gli Stati membri dell'Unione Europea, il più corrotto è la Bulgaria, a una manciata di posizioni dal Belpaese. Non sfugge che i recenti scandali non sembrano avere intaccato la fiducia nei Paesi più solidi: il Dieselgate della Volkswagen non ha travolto la macchina pubblica tedesca, tanto che la Germania migliora di due posizioni nella classifica, ponendosi al decimo posto. Stabile il Lussemburgo degli accordi fiscali con le multinazionali, che gli costano soltanto una scivolata dalla nona alla decima posizione. Contraccolpo invece nel Brasile travolto dallo scandalo delle tangenti Petrobras: scivola al 76esimo posto perdendo 5 punti. Più trasparenti di noi, secondo Transparency International, anche Arabia Saudita, Namibia, Ruanda e Bahrein: http://it.sputniknews.com/italia/20160127/1975741/italia-uno-dei-paesi-piu-corrotti-ue.html#ixzz3yTcPqblp
Per la Russia “la strategia del comando militare USA in Europa è avulsa dalla realtà”.  27.01.2016 ( IO SONO TESTIMONE: GLI USA SONO I SACERDOTI DI SATANA E GLI USURAI FARISEI: L'ORIGINE DELLA POTENZA DI SATANA E DI OGNI SATANISMO NEL MONDO! SE NON FATE UN EMBARGO CONTRO GLI USA? CERTO: TRA DUE ANNI TU SEI DIVENTATO IL CADAVERE!) URL abbreviatO 2535111. E' avulsa dalla realtà la nuova strategia del comando delle forze armate degli Stati Uniti in Europa, in cui la Russia è bollata come la principale minaccia per la sicurezza, ha dichiarato il rappresentante permanente della Russia presso la NATO Alexander Grushko. "Come principale minaccia… figura la Russia, che serve contenere dall'aggressione in Europa orientale. Non è possibile lasciare solo un commento. Sapete, lo si afferma in queste formulazioni formali perchè si tratta di una tesi del tutto avulsa dalla realtà", — ha detto Grushko in un'intervista a "Rossiya-24". Secondo il diplomatico, è necessario solo per gli Stati Uniti con lo scopo di "riunire gli alleati, il cui cerchio si allarga in modo significativo in presenza di nuove minacce e sfide che richiedono risposte collettive."
"Riunirli al di sotto degli USA. E costringerli a spendere di più per la difesa… Vorrei sottolineare ancora una volta che tutto ciò non corrisponde alle reali esigenze della sicurezza o alle reali esigenze di sviluppo del mondo, perché ora è diventato chiaro che occorre non costruire alcune isole di sicurezza o armarsi da minacce fantasiose, ma unire le forze contro i nuovi rischi e minacce," — ha aggiunto: http://it.sputniknews.com/mondo/20160127/1977981/Grushko-NATO-Sicurezza-Difesa.html#ixzz3yTdPwuHD
chi sono i sauditi salafiti I DISTRUTTORI DEL GENERE UMANO?! conferenza di madre Agnese Maria della Croce la situazione reale in Siria Parigi 6 marzo 2015 https://youtu.be/CHGWCv8LbLY Pubblicato il 05 nov 2015. Testimonianza diretta di ( Madre Agnese Maria della Croce ) carmelitana superiore del monastero ( Saint-Jacques le Mutilè ) a Qara vicino a Homs in ( Siria ) dove vive....
=====================
GAZIE A USA TURCHIA GIORDANIA, QATAR E ARABIA SAUDITA abbiamo avuto in Siria 700000 morti! soltnto 1/3 appartiene alle forze dell'ORDINE: esercito polizia. MA abbiamo: 8milioni di rifugiati nella Siria, e 3milioni di rifugiati ai confini! MA CI SONO 250000 MILIZIANI ARMATI ED ADDESTRATI ANCHE IN GIORDANIA, CHE SONO ISLAMICI SHARIA DEL GENOCIDIO SAUDITA SALAFITA, QUESTI 250000 TERRORISTI SONO SEMPRE INVISIBILI AI SATELLITI, AGLI AEROPORTI, ATTRAVERSANO IN MODO INVISIBILE LA FRONTIERA E SOLTANTO I RUSSI LI POSSONO VEDERE! conferenza di madre Agnese Maria della Croce la situazione reale in Siria Parigi 6 marzo 2015 https://www.youtube.com/watch?v=CHGWCv8LbLY
la frontiera TURCA che è sempre aperta giorno e notte per far passare i terroristi, è stata chiusa per impedire agli ASSIRI cristiani di poter scampare al genocidio! 39:18 https://youtu.be/CHGWCv8LbLY

40:34 / 1:19:57 per rimodellare i confini, realizzare una pulizia etnica, gli USA insieme ad ISIS hanno fatto degli accordi in Turchia! nella foto: c'è MAC CAIN, senatore americano che complotta insieme con il futuro Califfo al-Baghdadi in un BAR della TURCHIA! https://youtu.be/CHGWCv8LbLY

Mosca, serve status speciale per Donbass, amen, Su base permanente, dice rappresentato russo gruppo contatto AMEN
==================
ALLORA DOVE è LA DIFESA SHARIA DEI DIRITTI UMANI DI ONU, CHE, PRETESE NELLA LEGA ARABA DEI NAZISTI, ASSASSINI SERIALI, PENA DI MORTE PER APOSTASIA ECC.. HA ONU? Portavoce Ban, Netanyahu distorce realtà, Premier Israele, 'parole segretario Onu incoraggiano terrore'
========================
Caricato il 06 nov 2011, https://youtu.be/v2gzEvBxnPQ scritti di maria valtorta  angoscia della ss vergine      3339522 https://www.youtube.com/watch?v=v2gzEvBxnPQ
  ===============================
SALMAN ERDOGAN sharia ] la tua puttana: galassia jihadista distrugge: STUPRA, SGOZZA, DERUBA, uccide, genocidio, rade al suolo, profana.. e poi, tu entri nella sua eredità, con il tuo nazismo sharia, che il tuo regime demoniaco è contro la LEGGE NATURALE, poi, tutto si compie nella LEGA ARABA senza reciprocità: per gli schiavi dhimmi, che sono sopravissuti la loro estinzione totale! CHE TU SIA MALEDETTO MAOMETTO FIGLIO DELLA MALEDIZIONE! lurido porco di un pedofilo poligamo!  
=====================
Lisbona è una lesbica GENDER, che, ha traviato un bambino di nove anni, nella scuola elementare di Stato, è andata ad un bambino di nome Zapatero, e lo ha convinto ad avere rapporti sessuali con i cani! ]] VENITE DA ELIA AL FIUME GHISON, AMEN, ALLELUIA, Elia li fece scendere al torrente di Ghison, e laggiù li sgozzo [[ a tutte le bestie di satana del mondo! FIGLI PREGATE CON ME! ] ] CHIAMATE ANCORA I VOSTRI DEMONI E TUTTO L'INFERNO, I SACERDOTI DI SATANA, DELLA CIA, MAGIA NERA VOODOO? PERCHé, QUESTI 8 ANNI, VI HANNO FATTO SCORAGGIARE FINO A QUESTO PUNTO? [ C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti, Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce, N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux, Che il dragone non sia il mio duce, V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni [ DRINK YOUR POISON MADE BY YOURSELF ] C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti, Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce, N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux, Che il dragone non sia il mio duce, V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana, Non mi persuaderai di cose vane, S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo, I.V. B. Ipsa Venena Bibas, Bevi tu stesso i tuoi veleni
USA, John McCain propone di vietare importazione dei propulsori missilistici russi... John McCain lo abbiamo filmato con Al-Bagdadi, in un bar Turco, a Complotare contro il GENERE UMANO. USA TURCHIA E LEGA ARABA DEVONO ESSERE ESSERE UNIVERSALMENTE CONDANNATI! http://it.sputniknews.com/mondo/20160127/1977563/Russia-Tecnologia-Razzi-Obama-Pentagono.html#ixzz3yW8w2Ukv
John McCain lo abbiamo filmato con Al-Bagdadi il Califfo di ISIS, in un bar Turco, a Complotare contro il GENERE UMANO. USA, TURCHIA, E LEGA ARABA DEVONO ESSERE ESSERE UNIVERSALMENTE CONDANNATI! la NATO deve essere distrutta! QUESTO è ALTO TRADIMENTO BANCARIO SPA FED E TRADIMENTO MASSONICO: chiedo la PENA DI MORTE contro i FARISEI e tutti i loro complici! ] [ Un'indagine dell'Europol, commissionata dagli stati dell'Unione Europea, ha evidenziato che le operazioni finanziarie dei gruppi terroristici legati a Daesh non avvengono attraverso l'utilizzo delle monete informatiche. Ancora da chiarire, tuttavia, quali siano i canali attraverso cui avvengono le transazioni milionarie delle milizie armate. L'obiettivo dell'investigazione era chiarire se, alla luce soprattutto degli attacchi terroristici avvenuti a Parigi lo scorso novembre, Daesh utilizzasse le valute criptate (come bitcoin o litecoin, moneta quest'ultima di valore inferiore rispetto alla prima), per acquistare armi e soprattutto per fornire supporto finanziario ai suoi componenti presenti in Europa. "Al momento non ci sono prove che Daesh utilizzi tali strumenti finanziari — si legge nel report. Nonostante i sospetti avanzati da altri operatori, le indagini non hanno trovato alcuna conferma. Il finanziamento delle operazioni terroristiche non ha subito, nel corso del recente passato, cambiamenti particolari, sebbene i canali di accesso alle risorse economiche provenienti dal terrorismo rimangano ancora largamente ignote": http://it.sputniknews.com/mondo/20160127/1976979/daesh-web-traffici.html#ixzz3yWA11wHn
cosa è il PARADISO? Pubblicato il 17 feb 2013. https://youtu.be/gpYL2E5kc00
Ho rivisto il Paradiso. E ho compreso di cosa è fatta la sua Bellezza, la sua Natura, la sua Luce, il suo Canto. Tutto, insomma. Anche le sue Opere, che sono quelle che, da tant'alto, informano, regolano, provvedono a tutto l'universo creato. Anche gli occhi dello spirito, per quanto molto più atti a sostenere la Luce che non i poveri occhi del corpo che non possono fissare il sole, astro simile a fiammella di fumigante lucignolo rispetto alla Luce che è Dio, hanno bisogno di abituarsi per gradi alla contemplazione di questa alta Bellezza. Dio è così buono che, pur volendosi svelare nei suoi fulgori, non dimentica che siamo poveri spiriti ancor prigionieri in una carne, e perciò indeboliti da questa prigionia. Oh! come belli, lucidi, danzanti, gli spiriti che Dio crea ad ogni attimo per esser anima alle nuove creature! Li ho visti e so. Ma noi... finché non torneremo a Lui non possiamo sostenere lo Splendore tutto d'un colpo. Ed Egli nella sua bontà ce ne avvicina per gradi. Ecco che questo si svelava nei suoi particolari... Ecco gli angeli. Più in alto dei beati, cerchi intorno al Fulcro del Cielo che è Dio Uno e Trino con la Gemma verginale di Maria per cuore. Essi hanno somiglianza più viva con Dio Padre. Spiriti perfetti ed eterni, essi sono tratti di luce, inferiore unicamente a quella di Dio Padre, di una forma di bellezza indescrivibile. Adorano... sprigionano armonie. Con che? Non so. Forse col palpito del loro amore. Poiché non son parole; e le linee delle bocche non smuovono la loro luminosità. Splendono come acque immobili percosse da vivo sole. Ma il loro amore è canto. Ed è armonia così sublime che solo una grazia di Dio può concedere di udirla senza morirne di gioia.
Più sotto, i beati. Questi, nei loro aspetti spiritualizzati, hanno più somiglianza col Figlio e con Maria. Sono più compatti, direi sensibili all'occhio e ‑ fa impressione ‑ al tatto, degli angeli. Ma sono sempre immateriali. Però in essi sono più marcati i tratti fisici, che differiscono in uno dall'altro. Per cui capisco se uno è adulto o bambino, uomo o donna. Vecchi, nel senso di decrepitezza, non ne vedo. Sembra che anche quando i corpi spiritualizzati appartengono ad uno morto in tarda età, lassù cessino i segni dello sfacimento della nostra carne. Vi è maggior imponenza in un anziano che in un giovane. Ma non quello squallore di rughe, di calvizie, di bocche sdentate e schiene curvate proprie negli umani. Sembra che il massimo dell'età sia di 40, 45 anni. Ossia virilità fiorente anche se lo sguardo e l'aspetto sono di dignità patriarcale.
Fra i molti... oh! quanto popolo di santi!... e quanto popolo di angeli! I cerchi si perdono, divenendo scia di luce per i turchini splendori di una vastità senza confini! E da lungi, da lungi, da questo orizzonte celeste viene ancora il suono del sublime alleluia e tremola la luce che è l'amore di questo esercito di angeli e beati...
Qui solo un estratto, per leggere l'intero scritto vai al sito web http://www.preghiereagesuemaria.it/sala/descrizione%20del%20paradiso%20della%20mistica%20maria%20valtorta.htm
ma, se è l'INFERNO uno Stato Massonico usurocratico di ISRAELE, quanto può essere inferno uno Stato SHARIA di Palestina? IO SONO IL REGNO DI PALESTINA, L'UNICA LEGITTIMITà POSSIBILE PER TUTTI I GOVERNI DEL MONDO!
VOI avete tradito il REGNO di JHWH il CREATORE (E PERCHé NON RIUSCITE A CREARE UNA CELLULA? E PERCHé NON RIUSCITE A TRASFORMARE UNA SCIMMIA IN UN UOMO? MA, QUESTO è VERO: VOI VI SIETE DEGRADATI COME SCIMMIE!), meglio per voi sarebbe stato, che, voi non foste mai nati!
UK SpA Rothschild FED ] [ HELL Carlo principe massone PIPISTRELLO LUCERTOLA di Galles ] anticristo servo di GEZABELE Second!
erdogan salman ] coglioni! voi sapete bene che, io accetterò per vere, le vostre scuse, giustificazioni, per non dovervi massacrare insieme al vostro popolo!  conspiracy FED SPA, Illuminati hell sharia LEAGUE. Abd Allāh binLADEN IS: HELL SAUDI ARABIA SHARIA 666 CIA SPA FED NWO OWL ALLAH
io sto soltando fronteggiando il penultimo assalto demoniaco della Storia del GENERE UMANO! Nel 2017 finirà il potere di satana, ma, Se non vi convertite 5miliardi di persone moriranno! Medjugorje svela forse la data della venuta di Gesù Risorto ora
  https://youtu.be/s2iUdUpuTTI
Un rabbino profetizza la venuta di Messia ebreo, per questi tempi, MA CRISTIANI HANNO FRAINTESO! ] Pubblicato il 04 gen 2014. Pochi mesi prima di morire a 108 anni, circondato dalla venerazione dei suoi discepoli, il rabbino e kabbalista Yitzhak Kaduri meravigliò tutti sostenendo di aver incontrato il Messia. Ne parlò nella sua sinagoga in un memorabile Yom Kippur, insegnando come riconoscerlo. Disse inoltre che il Messia sarebbe apparso in Israele dopo al morte di Ariel Sharon, l'ex premier, da più d'un anno in coma, ma ancora in qualche modo vivo. Per di più rabbi Kaduri scrisse il nome del Messia prossimo venturo in un foglietto che chiuse in una busta, chiedendo di aprirlo solo nell'ottobre 2007. Ora la busta è stata aperta: il nome del Messia è Yeshua, Gesù!!!! https://youtu.be/wPLFbcg6U24
LA COSA PIù INFAMANTE PER UN CRIMINALE è FARE DELLE ACCUSE SENZA MUOVERE GIUSTIFICAZIONI ALLE PROPRIE ACCUSE! Sorellastra Anna Frank,Trump come Hitler, Eva Schloss a Newsweek, lui presidente sarebbe un disastro
=============
Teresa Neumann: Sarà questo il tempo di Caino 1999- 2017 rivelazioni sul futuro prossimo. Pubblicato il 01 mar 2014. Incredibile rivelazioni sul nostro futuro ricevute dalla più grande mistica tedesca del secolo scorso e confermate in parte da altre profezie come quelle di Fatima e di Medjugorje che danno il 2017 come la fine del secolo di Satana iniziato proprio nel 1917!!! Il tempo di Caino rappresenta l'apice dell'ultimo secolo di Satana, che verrà sconfitto da Gesù nel giorno del Signore... https://youtu.be/8xQEnMv4nxI
 ecco il potere del demonio, SATANISMO ISTITUZIONALE: ALTO TRADIMENTO, che vi ucciderà! VOI NON POTETE TRADIRE I POPOLI RINUNCIANDO ALLA SOVRANITà MONETARIA, VOI NON POTETE COMPRARE IL VOSTRO DENARO AD INTERESSE DAL DEMONIO FARISEO ROTHSCHILD ] [ Per la prima volta Russia nella “top ten” del FMI, 28.01.2016 Il Fondo Monetario Internazionale  (FMI) ha aumentato le quote dei Paesi in via di sviluppo nell'ambito della riforma iniziata 5 anni fa sulla riconfigurazione delle partecipazioni, si legge in un comunicato del FMI, segnala “Rambler News”: http://it.sputniknews.com/economia/20160128/1978716/Finanza-Economia-Riforma-Lagarde-BRICS.html#ixzz3yX1534pf
TUTTO QUESTO è TRADIMENTO DELLA TEOCRAZIA BIBLICA, E DELLA COSTITUZIONE: AVETE SCHIAVIZZATO I POPOLI DEL MONDO, ATTRAVERSO IL REGIME MASSONICO: ALTO TRADIMENTO! UN CRIMINE ASSOLUTO CONTRO IL REGNO DI ISRAELE! è TEOSOFIA SATANICA DARWIN GENDER! MALEDETTI MALEDETTI DISGRAZIATI! IO, IL RE DI ISRAELE, IO DECRETO LA PENA DI MORTE PER TUTTI I COMPLICI DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE! ] [ Per la prima volta nella storia del fondo la Russia, il Brasile, l'India e la Cina entreranno nella top ten dei principali membri. La quota dei BRICS salirà al 14,7% dal 14,18%. Le modifiche entreranno in vigore nel giro di poche settimane. Le quote del FMI determinano i diritti di voto dei Paesi membri. La più grande quota appartiene agli Stati Uniti col 16,7%, superiore alla soglia del 15% che consente di bloccare le decisioni. Dopo l'aumento, la quota della Russia raggiungerà il 2,73% (era al 2,71%). L'ammontare dei fondi del FMI dopo la riforma salirà a 659 miliardi di dollari. Il direttore del FMI Christine Lagarde, che ambisce alla proroga del mandato, ha definito questa riforma storica: http://it.sputniknews.com/economia/20160128/1978716/Finanza-Economia-Riforma-Lagarde-BRICS.html#ixzz3yX1gSmjR


Rifugiati MARTIRI disperazione tragedia siriana DAMASCO VS SHARIA NAZI ONU
TUTTI I MARTIRI CRISTIANI UCCISA DA OBAMA SOTTO EGIDA SHARIA ONU LEGA ARABA, I NAZISTI SENZA LIBERTà DI RELIGIONE, SENZA RECIPROCITà... I MASSONI BILDENBERG TROIKA, I PIù GRANDI SATANISTI FARISEI FMI SPA 666 FED BCE, DI TUTTE LE FALSE DEMOCRAZIE MASSONICHE DEL SIGNORAGGIO BANACRIO RUBATO ALLA COSTITUZIONE.. PER DISTRUGGERE IL GENERE UMANO.. IL COMPLOTTO CHE DISINTEGRERà ISRAELE

Rifugiati alla disperazione Una tragedia siriana DAMASCO. Non conosce tregua l'orrore in Siria. Mentre i combattimenti vanno avanti peggiora di giorno in giorno la condizione dei profughi e degli sfollati. Ieri l'ennesima conferma: una donna di quarant'anni rifugiata siriana nella città di Tripoli in Libano si è data fuoco di fronte a un centro dell'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr) sotto gli occhi dei suoi figli. La donna protestava per gli scarsi aiuti alimentari ricevuti. Diverse persone che erano in coda e alcuni addetti dell'Unhcr sono intervenuti e hanno spento le fiamme. La donna è stata trasportata in gravissime condizioni all'ospedale Al Salam. Sono circa un milione i rifugiati siriani arrivati in Libano dall'inizio della crisi tre anni fa. Un'emergenza particolarmente preoccupante per le autorità di un Paese il Libano che ha solo quattro milioni di abitanti e che già ospita centinaia di migliaia di profughi palestinesi. Finora il Governo di Beirut non ha dato il permesso di allestire campi per i profughi siriani che perciò devono sopravvivere in raggruppamenti di tende sparsi nel territorio presso alloggi di fortuna o devono pagare affitti esorbitanti per sistemazioni in appartamenti malsani.

Prime Minister Binyamin Netanyahu -- king Saudi arabia, mi ha detto: " e perché, io devo riconoscere Israele? non si fanno contratti, che, devono durare con i cadaveri! "?
Lorenzojhwh Unius REI

Attacchi dei talebani Costellato di attentati il cammino verso le presidenziali afghane. KABUL. L'Afghanistan ha vissuto ieri un altro giorno di violenza per tre attacchi portati dai talebani che li hanno rivendicati a Kabul e nelle province di Kunar e Kunduz con un bilancio di almeno venti morti e quasi cinquanta feriti. Il tutto a dieci giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali del 5 aprile. Cacciati dal potere nel 2001 da una coalizione militare internazionale diretta dagli Stati Uniti i talebani il 10 marzo scorso hanno pubblicato un proclama annunciando di voler fare di tutto per far fallire le presidenziali che rappresentano un test per la stabilità del Paese in
vista del ritiro entro quest'anno del contingente militare internazionale. Già in queste ultime settimane hanno compiuto attentati e attacchi quasi quotidiani fra cui uno clamoroso giovedì scorso nel lussuoso hotel Serena di Kabul che si è concluso con la morte di almeno nove persone di cui quattro stranieri. L'azione più clamorosa è avvenuta ieri nella capitale afghana ai danni di un affollato ufficio regionale della Commissione elettorale indipendente (Iec) sulla Dar ul Aman Road. A quanto ha riferito il
portavoce del ministero dell'Interno Sidiq Sidiqi un commando di cinque terroristi si è presentato davanti all'ingresso della Iec. «Due di essi — ha detto — si sono fatti esplodere permettendo il passaggio all'interno degli altri tre che hanno cominciato a sparare all'impazzata». Sono seguite ore di tensione in cui i talebani hanno preso in ostaggio una trentina di persone portandole al terzo piano dell'edificio mentre altre quaranta venivano salvate per l'intervento delle squadre speciali afghane che nel frattempo avevano preso possesso dei primi due piani. L'assedio è durato quasi quattro ore al termine delle quali i trenta ostaggi sono stati liberati e i terroristi uccisi. Sidiqi ha comunicato il bilancio finale dello scontro: dieci morti fra cui i cinque attentatori suicidi due agenti di polizia un dipendente della Iec un candidato provinciale
e un civile. A est nella devastata provincia orientale di Kunar due talebani sono entrati a forza nella nuova sede della Kabul Bank ad Asadabad aprendo il fuoco contro i clienti in attesa. Nella sua rivendicazione il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha precisato che i clienti erano «agenti di polizia mercenari che ritiravano lo stipendio». Al termine dell'attacco represso dalle forze di sicurezza afghane il capo della polizia provinciale generale Abdul Habib Syedkhel ha comunicato che «il bilancio è di 5 morti (2 terroristi e 3 agenti di polizia) e 16 feriti mentre nessun impiegato della banca ha riportato danni». La terza operazione dei seguaci del mullah Omar è avvenuta nella provincia di Kunduz (nord). Qui i morti sono stati 5 e i feriti 27. Nel frattempo dopo 9 anni e 1288 progetti realizzati chiude il Provincial Reconstruction Team (Prt) di Herat la componente civile del contingente italiano dell'Isaf che ha concluso ieri ufficialmente il suo mandato. Quarantaquattro poliambulatori un ospedale pediatrico e uno per tossicodipendenti un centro di medicina legale 105 scuole sessanta chilometri di rete idrica e 16 per acque reflue circa ottocento pozzi per l'acqua tre ponti 130
chilometri di strade 17 edifici pubblici e governativi 34 infrastrutture militari due centri di aggregazione per sole donne e uno di arti visive un carcere femminile un istituto penale per minori e il terminal passeggeri dell'aeroporto di Herat. Questi sono i progetti portati a termine per un investimento pari a circa 46 milioni e mezzo di euro stanziati dal ministero della Difesa italiano.

Chiesto lo scioglimento del partito islamico bengalese. DACCA. Sempre più tesa la situazione politico-istituzionale in Bangladesh. Con una mossa destinata ad ampliare il solco tra Governo e opposizione gli inquirenti incaricati di indagare sui crimini di guerra commessi nel Paese asiatico durante la sanguinosa guerra di liberazione dal Pakistan (1971) hanno chiesto ieri lo scioglimento del partito islamico Jamaat-e-Islami già escluso dalle contestate elezioni politiche dello scorso gennaio. Sono una dozzina i leader dello Jamaat-e Islami processati e condannati a pene severissime dalla nascita nel 2010 e di nomina governativa del tribunale per i crimini di guerra. La prima esecuzione di un condannato a morte — quella del sessantacinquenne vice segretario del partito Abdul Qader Mollah — è avvenuta a settembre. Da circa un anno un duro braccio di ferro tra il Governo guidato dal primo ministro Sheikh Hasina e l'opp osizione tiene il Bangladesh in uno stato di tensione permanente con frequenti e sanguinosi episodi di violenza. Sono stati almeno duecento i morti dall'inizio dell'anno dovuti alla grave situazione politica e alle violente reazioni ad arresti e condanne.

Pechino vuole spiegazioni PECHINO. La vicenda dell'aereo della Malaysia Airlines resta tuttora avvolta nel mistero. A distanza di giorni infatti non sono stati ancora Accertati i motivi per i quali il Boeing 777 ha cambiato rotta un'ora dopo il decollo dalla capitale della Malaysia. Tra le 239 persone a bordo 152 sono di nazionalità cinese. Proprio per questo il primo ministro cinese Li Keqiang ha chiesto al Governo di Kuala Lumpur di fornire nel più breve tempo possibile informazioni dettagliate e accurate su quanto realmente accaduto. Sono intanto riprese stamattina nell'oceano Indiano meridionale le ricerche dell'aereo interrotte ieri a causa del maltempo e delle avverse condizioni del mare. «Non ci fermeremo finché non risolveremo questo enigma» ha affermato il primo ministro australiano Tony Abbot. E a circa 2.500 chilometri a sud-est dalla città di Perth satelliti francesi hanno individuato almeno 122 oggetti galleggianti che si presume siano del volo Mh370 da Kuala Lumpur a Pechino scomparso dai radar l'8 marzo scorso e con ogni probabilità precipitato — e disperso — nell'oceano Indiano. Lo ha reso noto il ministro dei Trasporti della Malaysia Hishammuddin Hussein

Incostituzionale il referendum sulla Catalogna MADRID. Il referendum per l'indipendenza della Catalogna in programma il prossimo 9 novembre è incostituzionale. Lo hanno
stabilito ieri i giudici della Corte costituzionale spagnola nel primo giorno del dibattito in seduta plenaria. I magistrati — all'unanimità — hanno rilevato che secondo la Costituzione una regione «non può indire unilateralmente un referendum sull'integrazione con la Spagna». I giudici hanno inoltre dichiarato illegittima la dichiarazione di sovranità approvata dal Parlamento catalano il 23 gennaio del 2013 in particolare il primo paragrafo in cui — si legge nella sentenza — si proclama il popolo catalano «come soggetto politico e giuridico sovrano».

Diffusi dall'Unhcr i dati sugli arrivi in Italia Diecimila immigrati in tre mesi ROMA. Nei primi tre mesi dell'anno oltre diecimila immigrati sono sbarcati in Italia un dato di dieci volte maggiore rispetto all'analogo periodo del 2013. Lo ha reso noto l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr). Nel 2013 ha ricordato l'Unhcr si sono registrati 43.000 arrivi il secondo dato più alto degli ultimi dieci anni. Un numero che nel 2014 sarà superato. Circa il 50 per cento degli stranieri sbarcati in questi tre mesi sono rifugiati eritrei e siriani. Lo scorso anno le domande di asilo in Italia sono state 27.000 a fronte delle 109.000 della Germania e delle 60.000 della Francia. l'Unhcr ha così chiesto a Roma una programmazione dell'accoglienza considerato che i centri hanno già 10.000 ospiti a fronte di una capienza di soli 6.900 posti.

In Libano cattolici e musulmani nel nome di Maria JAMHOUR. Da quattro anni in Libano il giorno dell'Annunciazione del Signore è festa nazionale. E da otto ai piedi della Vergine di Notre-Dame di Jamhour si riuniscono insieme in preghiera cattolici e musulmani. Un'esp erienza che «rallegra» Papa Francesco come ha scritto il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin in un messaggio inviato a nome del Pontefice ai partecipanti all'incontro. «Il Papa — si legge — vi incoraggia cristiani e musulmani a lavorare insieme alla pace e al bene comune contribuendo così allo sviluppo integrale delle persone e all'edificazione della società». Il raduno di preghiera — del quale dà notizia Radio Vaticana — è stato organizzato nel pomeriggio di ieri nella località libanese di Jamhour. A promuoverlo nella chiesa di Notre-Dame l'Associazione degli ex allievi del
Collegio dell'Università San Giuseppe e del Collegio di Jamhour. Il dialogo — ha spiegato padre Miguel Ángel Ayuso Guixot segretario del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso intervenuto all'incontro — è «una comunicazione biunivoca» e consiste «nel parlare e ascoltare nel dare e ricevere in vista di uno sviluppo e di un arricchimento reciproco». Dialogare ha proseguito si fonda «sulla testimonianza della propria fede e su un'apertura alla religione dell'altro» e ciò non significa ha sottolineato padre Ayuso Guixot «tradire la missione della Chiesa» né dare spazio a «un nuovo metodo di conversione al cristianesimo» bensì si tratta di un dialogo interreligioso fondato su quattro basi: vita opere scambi teologici ed esperienze religiose. In sintonia con Papa Francesco il segretario del dicastero vaticano ha messo in luce la comune devozione di cristiani e musulmani alla Vergine Maria «menzionata più volte nel Cora-no». Ella è un «modello di dialogo perché insegna a credere a
non fermarsi su certezze acquisite ma ad aprirsi agli altri e a rimanere disponibili». La sua venerazione condivisa «può costituire un terreno favorevole alla coabitazione tra le due comunità»

MUMBAI. Una Giornata di preghiera per la nazione indiana è stata promossa per il 6 aprile prossimo dalla Catholic Bishops Conference of India (Cbci). L'iniziativa è stata presa in vista delle elezioni generali. Dal 7 aprile al 12 maggio infatti l'India è chiamata alle urne per eleggere i nuovi membri della Camera bassa del Parlamento. In vista di questo importante appuntamento che coinvolgerà 814 milioni di votanti la Chiesa cattolica ha perciò lanciato la Giornata di preghiera attraverso una lettera inviata a sacerdoti religiosi e fedeli laici e firmata dal cardinale Baselios Cleemis Thottunkal presidente della Cbci: «Dovrà essere un giorno di fervida preghiera per lo svolgimento pacifico delle elezioni e per l'assistenza divina di tutti i cittadini così che possano eleggere i candidati migliori capaci di sostenere i valori e i principi morali nella vita pubblica»

L'OSSERVATORE ROMANO pagina 6 giovedì 27 marzo 2014 Nell'omelia del patriarca di Gerusalemme dei Latini per l'Annunciazione del Signore Francesco in Terra Santa Dalla sacra famiglia di Nazareth la forza per affrontare sfide e minacce all'unità determinazione ad affrontarle a superarle con la forza di Colui il quale ha vinto il mondo e calpestato il male attraverso la sua croce e la sua risurrezione. Invito dunque tutti i figli della Terra Santa a compiere un pellegrinaggio a Nazareth in quest'anno consacrato alla famiglia per seguire l'esempio della santa famiglia. Qui a Nazareth tutto è cominciato» ha concluso il patriarca Twal ricordando che «è il Nuovo Testamento che comincia con l'incarnazione del Figlio di Dio venuto fra noi come salvatore liberatore messaggero di amore e di pace. È venuto qui per dissipare la paura e rendere la pace ai nostri cuori e al nostro spirito». L'episcopato in vista del voto In preghiera per la nazione indiana

Con l'abisso pronto a inghiottirti. In «Un paesaggio di ceneri» di Élisabeth Gille il seguito ideale di «Suite francese». 26 marzo 2014. Un libro intenso e commovente sull'impossibilità di dimenticare sull'indelebile dolore di chi sopravvive e sulla difficoltà di ritrovare la propria identità dopo essere stati privati di tutto.
[ Sentinella tedesca a Bordeaux nel 1940 ] Così Gaetano Vallini definisce Un paesaggio di ceneri di Élisabeth Gille con il quale la scrittrice colma in maniera definitiva la distanza tra il suo mondo di orfana a causa della follia nazista e quello della madre che aveva appena avuto il tempo di sfiorare; una madre dal nome impegnativo: Irène Némirovski autrice di quel capolavoro che è Suite francese uno dei libri più belli sulla guerra incredibilmente salvato e sottratto all'oblio per essere pubblicato nel 2004 sessant'anni dopo la morte dell'autrice ad Auschwitz. Perché del romanzo materno Un paesaggio di ceneri in libreria dal 2 aprile (Venezia Marsilio 2014 pagine 171 euro 16) pur con una scrittura meno raffinata ed elegante ma non meno efficace e incisiva nella sua sobrietà potrebbe essere considerato una sorta di seguito ideale nonostante sia stato pubblicato otto anni prima. Più correttamente si dovrebbe parlare di un'autobiografia camuffata in cui non è difficile intravvedere nel personaggio della piccola protagonista Léa la stessa autrice con il suo dramma interiore. Proprio per questo non è semplice scegliere da dove cominciare per parlarne se dalla vita di Élisabeth o da quella di Léa una bambina ebrea che come lei «non sapeva niente di se stessa niente delle proprie origini e della propria identità. Non era che terra bruciata un paesaggio di ceneri». E del resto dopo la deportazione senza ritorno della madre Irène e del padre Michel Epstein anche Élisabeth Gille e la sorella Denise trovarono prima asilo in un pensionato cattolico e poi ospitalità presso amici di famiglia.

Intitolato a Óscar Romero l'aeroporto di San Salvador. 25 marzo 2014. Lo scalo aereo della capitale di El Salvador si chiamerà da oggi e per sempre aeroporto internazionale Óscar Arnulfo Romero y Galdámez»: lo ha annunciato ieri il presidente Mauricio Funes nel 34° anniversario dell'assassinio dell'arcivescovo che fu ha aggiunto «voce dei senza voce nei momenti più difficili della storia recente del Paese». L'arcivescovo Romero fu assassinato mentre celebrava la messa.

Solidarietà internazionale per combattere la fame Intervento della Santa Sede a GinevrA. 26 marzo 2014. Pubblichiamo la nostra traduzione dell'intervento svolto il 10 marzo dall'arcivescovo Silvano M. Tomasi osservatore permanente della Santa Sede presso l'Ufficio delle Nazioni Unite e Istituzioni specializzate a Ginevra durante la XXV sessione ordinaria del Consiglio per i diritti dell'uomo sul diritto al cibo. Signor Presidente La mia Delegazione coglie con piacere l'opportunità di parlare a questo Consiglio dell'urgente necessità che i Governi e la società globale rispettino proteggano agevolino e adempiano meglio il diritto umano al cibo. Siamo profondamente grati al Relatore speciale uscente per i suoi significativi sforzi a questo riguardo ed esprimiamo il sincero auspicio che in futuro si compiano altri progressi al fine di assicurare che il diritto al cibo non sia «ridotto a un diritto a non morire di fame» e venga davvero riconosciuto come «diritto inclusivo a un'alimentazione adeguata e a tutti gli elementi nutrizionali» necessari «per vivere una vita sana e attiva e mezzo per accedervi» (www.ohchr.org/Documents/HRBodies/.../A-HRC-19-59_en.pdf). La comunità internazionale ha certamente compiuto progressi nell'affrontare il tema della sicurezza alimentare. In occasione della Giornata mondiale dell'alimentazione 2013 (José Graziano Da Silva Direttore Generale della Fao La sicurezza alimentare è la sfida del futuro «L'Osservatore Romano» giovedì 19 settembre 2013) l'Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite ha riferito che dalla fine della seconda guerra mondiale la disponibilità di cibo pro capite è cresciuta di oltre il 40 per cento. Ha però anche spiegato che la fame colpisce ancora oltre 840 milioni di persone ma è molto meno evidente poiché persiste principalmente tra quanti vivono nei Paesi in via di sviluppo. Questo tipo di fame si manifesta come «morte lenta» causata da denutrizione privando i bambini delle opportunità e impedendo loro di raggiungere quelle pietre miliari dello sviluppo come la crescita secondo parametri normali lo sviluppo neuromotorio le prestazioni scolastiche che sono date per scontate dalle persone ben nutrite che vivono in Paesi ad alto reddito... «ciò costituisce un vero scandalo» (www.vatican.va/holy_father/francesco/messages/peace/documents/papa-francesco_20131208_messaggio-xlvii-giornata-mondiale-pace-2014_it.html). Signor Presidente nel suo Messaggio per l'ultima Giornata mondiale dell'alimentazione Papa Francesco ha asserito con forza che «fame e denutrizione non possono mai essere considerati un fatto normale al quale abituarsi quasi si trattasse di parte del sistema» www.vatican.va/holy_father/francesco/messages/food/documents/papa-francesco_20131016_messaggio-giornata-alimentazione_it.html). Per spezzare questo circolo vizioso occorre prendere misure strutturali come l'attuazione di leggi quadro a livello nazionale e lo sviluppo di politiche alimentari giuste. Abbiamo anche bisogno di processi ben sviluppati tra cui l'attuazione e il controllo delle politiche nonché dello stanziamento adeguato di risorse. Infine dobbiamo esaminare con attenzione i risultati e l'impatto sulla base di statistiche relative alla fame e alla malnutrizione e di indicatori riguardanti la disponibilità di cibo le entrate sufficienti e i prezzi abbordabili per acquistare un'alimentazione adeguata per le famiglie e i membri più vulnerabili della società.

In un certo senso Signor Presidente Papa Francesco ha tracciato una Road Map volta a favorire ulteriormente la piena attuazione del diritto al cibo. «Qualcosa deve cambiare in noi stessi nella nostra mentalità nelle nostre società» ha esortato proponendo che «un passo importante sia abbattere con decisione le barriere dell'individualismo della chiusura in se stessi della schiavitù del profitto a tutti i costi» (ibid.). Pertanto la mia Delegazione suggerisce che il raggiungimento del diritto al cibo esige solidarietà sociale tra tutti i popoli in aggiunta alle salvaguardie legali e politiche già stabilite da questo Consiglio. A livello nazionale ciò esige investimenti pubblici e privati adeguati per consentire ai piccoli agricoltori di aumentare la produttività di ottenere un surplus di guadagno sufficiente per migliorare le condizioni nelle quali coltivano la terra e di essere in grado di contare a lungo termine su prospettive di entrate sufficienti per sostenere le loro famiglie. Occorrerà una particolare attenzione per agevolare l'autonomizzazione e la partecipazione delle donne nelle campagne per favorire l'agricoltura e lo sviluppo rurale. Riguardo al settore privato dobbiamo cercare una distribuzione più equa delle risorse che non sfavorisca i piccoli produttori di cibo locali. Nel fornire assistenza umanitaria occorre assicurare l'accesso al cibo e alle risorse delle popolazioni colpite sia all'interno dei confini che attraverso gli stessi. L'assistenza allo sviluppo dovrebbe includere componenti agricole affinché il diritto di produrre e di commercializzare il cibo venga assicurato senza discriminazioni. La solidarietà a livello internazionale è parimenti importante negli sforzi per garantire il diritto al cibo. L'accordo raggiunto a Bali durante la nona Conferenza ministeriale dell'Organizzazione mondiale del commercio su «l'azionariato pubblico ai fini della sicurezza alimentare» è sulla stessa falsariga ed è un chiaro esempio di come il multilateralismo possa riacquistare il suo ruolo centrale nel confrontarsi con nuovi problemi affrontare nuove opportunità e soprattutto promuovere un commercio più libero e più equo non come fine a se stesso ma come uno tra i tanti approcci per porre fine alla povertà per tutti. L'attuazione di questo accordo provvisorio offrirebbe ai Paesi che ne hanno bisogno un accesso più sicuro stabile ed equo al cibo.
In questo Anno internazionale dell'agricoltura familiare Signor Presidente la mia Delegazione desidera esortare questo Consiglio a includere quale componente speciale dei suoi sforzi per promuovere e preservare il diritto umano al cibo «l'educazione alla solidarietà e a uno stile di vita che superi la "cultura dello scarto" e metta realmente al centro ogni persona e la sua dignità parte dalla famiglia» (ibid)

Le sanzioni e lo spiraglio. Barack Obama prospetta misure più stringenti contro la Russia ma lascia aperta la porta al dialogo. 26 marzo 2014. Bruxelles 26. Resta alta la tensione in Ucraina dopo l'annessione della Crimea alla Federazione russa. Da ieri la bandiera russa sventola su tutte le installazioni militari in Crimea. Forse anche per questo il presidente statunitense Barack Obama — oggi in missione a Bruxelless dove incontra gli esponenti del Governo belga il segretario generale della Nato e i vertice dell'Ue prima di giungere a Roma — ha lanciato ieri dall'Aja un monito a Putin: se non si ferma il resto del mondo è pronto a reagire. E l'Alleanza atlantica sta già preparando piani per difendere gli altri Paesi dell'est europeo. Obama ha sottolineato che dopo l'annessione della Crimea la Russia «è più isolata che ai tempi dell'Unione sovietica».


Dalla famiglia una garanzia di sviluppo Presentato l'incontro mondiale di Philadelphia. 25 marzo 2014. A servizio della famiglia con intelligenza coraggio e amore: prende spunto da questo triplice presupposto il cammino di preparazione all'ottavo Incontro mondiale delle famiglie in programma dal 22 al 27 settembre 2015 a Philadelphia. «Intelligenza nel leggere il presente della famiglia; coraggio per affrontare i complessi e numerosi problemi; amore per cercare di risolverli tenendo sempre presente il Vangelo della famiglia e della vita» ha spiegato stamattina martedì 25 marzo l'arcivescovo Vincenzo Paglia presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia riprendendo le indicazioni di Papa Francesco.

Il presule è intervenuto nella Sala Stampa della Santa Sede alla conferenza di presentazione dell'avvenimento insieme al pastore dell'arcidiocesi che lo ospiterà il cappuccino Charles Joseph Chaput. «Teologia della famiglia; spiritualità e santità coniugale; ecclesiologia e pastorale della famiglia; famiglia e rapporto con la cultura contemporanea; famiglia e migrazioni; famiglia ed ecumenismo: queste alcune delle piste e degli ambiti di un lavoro comune da portare avanti» ha spiegato monsignor Paglia al fine di «accompagnare nel loro cammino tutte le famiglie del mondo con una pastorale intelligente coraggiosa e piena di amore». Del resto l'incontro di Philadelphia si colloca in un «momento particolarmente importante per la vita della Chiesa» visto che Papa Francesco «ha voluto porre al centro dell'attenzione proprio il tema della famiglia». Lo testimoniano i due Sinodi dei vescovi quello straordinario in programma a ottobre e quello ordinario dell'anno seguente entrambi dedicati alla famiglia. E proprio alla vigilia di quest'ultimo appuntamento del 2015 si collocano le giornate di Philadelphia. Anzi ha fatto notare il presule «non si deve dimenticare che questo itinerario ecclesiale si inserisce anche in quel filone di analisi e di dibattito che l'Onu ha proposto in questo anno con l'indizione dell'anno della famiglia» per cui non va sottovalutato lo stretto legame tra l'appuntamento che si svolge in Pennsylvania «e i dibattiti che si stanno svolgendo nella sede centrale delle Nazioni unite a New York. È un invito a tutte le istituzioni religiose e civili a lavorare insieme per un futuro migliore della famiglia nel mondo». Infatti ha concluso il presidente del dicastero vaticano da essa dipende «il destino di una umanità pacifica e solidale. Il convergere nella famiglia aiuta tutti i popoli a sentirsi e a operare come un'unica famiglia».


Per la difesa e la protezione dei bambini Comunicato della Sala Stampa della Santa Sede. 05 febbraio 2014. Al termine della sua sessantacinquesima sessione il Comitato per i diritti del fanciullo ha pubblicato le sue osservazioni conclusive sugli esaminati rapporti della Santa Sede e di cinque Stati parte alla Convenzione sui diritti del fanciullo (Congo Germania Portogallo Federazione Russa e Yemen). Secondo le particolari procedure previste per le parti della Convenzione la Santa Sede prende atto delle osservazioni conclusive sui propri rapporti le quali saranno sottoposte a minuziosi studi ed esami per pieno rispetto della Convenzione nei differenti ambiti presentati dal Comitato secondo il diritto e la pratica internazionale come pure tenendo conto del pubblico dibattito interattivo con il Comitato svoltosi il 16 gennaio 2014. Alla Santa Sede rincresce tuttavia di vedere in alcuni punti delle osservazioni conclusive un tentativo di interferire nell'insegnamento della Chiesa cattolica sulla dignità della persona umana e nell'esercizio della libertà religiosa. La Santa Sede reitera il suo impegno a difesa e protezione dei diritti del fanciullo in linea con i principi promossi dalla Convenzione sui diritti del fanciullo e secondo i valori morali e religiosi offerti dalla dottrina cattolica.

Chiesa evangelica. attaccata in Kenya. 24 marzo 2014. Quattro persone sono state uccise e altre 17 sono state ferite ieri nell'attacco sferrato da uomini armati contro i fedeli raccolti in una chiesa evangelica di Likoni nei pressi di Mombasa nel sud-est del Kenya. Secondo quanto ha riferito il capo della polizia locale a un'emittente radiofonica gli autori dell'attacco sono riusciti a fuggire. Tra i primi interventi di condanna dell'accaduto c'è stato quello dei responsabili delle comunità musulmane della zona.

Cosa resta della lotta alla fame Tra scarsi investimenti e cambiamenti climatici. 26 marzo 2014. Londra 26. La lotta contro la fame rischia di tornare indietro di decenni a causa dei cambiamenti climatici e l'attuale sistema alimentare è del tutto inadeguato ad affrontare la sfida. Un bambino pakistano denutrito (Afp). L'allarme arriva da Oxfam (la confederazione di diciassette organizzazioni non governative attive in più di cento Paesi) proprio mentre in Giappone è in corso il vertice mondiale per discutere l'ultimo rapporto dell'Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change) dal quale emerge che il riscaldamento globale avrà un impatto sulla disponibilità di cibo ben più grave del previsto. In un recente studio Oxfam ha "dato i voti" ai Governi per la loro azione nella lotta alla fame e al cambiamento climatico. Il quadro che emerge è impressionante: tutti i Governi del mondo risultano impreparati ad affrontare l'impatto dei cambiamenti climatici.

Per ricostruire. dopo il tifone Haiyan. Visita nelle Filippine del segretario del dicastero per i migranti. 25 marzo 2014. «Aiutare i marittimi colpiti dal tifone dialogando con la Chiesa locale con progetti sostenibili che tengano conto dell'equilibrio ecologico e della difesa dei diritti dei pescatori e che siano economicamente trasparenti».
È quanto ha raccomandato il vescovo Joseph Kalathiparambil segretario del Pontificio Consiglio per la pastorale dei migranti e degli itineranti spiegando lo scopo del viaggio che sta realizzando in questi giorni nelle Filippine accompagnato da padre Bruno Ciceri incaricato dell'apostolato del mare in seno allo stesso dicastero. Dopo il tifone Haiyan del 7 novembre scorso il Pontificio Consiglio ha istituto un fondo speciale per finanziare progetti a beneficio della gente di mare delle aree interessate. Il cardinale presidente Antonio Maria Vegliò ha riferito che «questa campagna ha suscitato una commossa reazione di solidarietà da parte dei centri Stella maris di tutto il mondo e di numerose persone e fino a questo momento ci ha permesso di raccogliere una cifra del tutto ragguardevole».

Barack Obama rassicura l'Ucraina.  Cancellato il vertice del g8 con la Russia a Soci [ questi Gmos GENDER sono andati a distruggere la flotta russa del mar nero attraverso un golpe e parlano di che cosa? voi siete tutti testimoni questo è il pretesto perché hanno deciso a tavolino di fare la terza guerra mondiale! ] 25 marzo 2014. Il presidente statunitense davanti alla «Ronda di notte» di Rembrandt (Ap) Le azioni della Russia in Ucraina e in Crimea «minano le fondamenta dell'architettura della sicurezza globale e mettono in pericolo la pace e la sicurezza in Europa. Ucraina e Stati Uniti ribadiscono che non riconosceranno l'illegale tentativo della Russia di annettere la Crimea che è una parte integrante dell'Ucraina. Gli Stati Uniti continueranno ad aiutare l'Ucraina ad affermare la sua sovranità e l'integrità territoriale». È quanto ribadiscono oggi in una nota congiunta i Governi di Washington e di Kiev a margine della seconda giornata di lavori del summit sulla sicurezza nucleare a L'Aja in Olanda. E sempre a L'Aja i leader del G7 ovvero Stati Uniti Germania Gran Bretagna Francia Giappone Italia e Canada oltre ai rappresentanti dell'Unione europea come protesta per le iniziative definite inaccettabili di Mosca hanno deciso ieri che non incontreranno più il presidente russo Vladimir Putin finché «non cambierà comportamento». La prossima riunione si terrà a Bruxelles a giugno a sette. Niente g8 di Soci quindi.

L'esercito invisibile. L'Ilo rilancia l'allarme sulla condizione giovanile nel mondo. 25 marzo 2014. Una manifestazione di senza lavoro ad Atene (Reuters) Un esercito invisibile che non ha uniforme e non combatte nessuna guerra. Ma che lotta per il proprio futuro anche se le prospettive sono poco rassicuranti. È l'esercito dei giovani senza lavoro come li definisce l'Ilo l'Organizzazione mondiale del lavoro rilanciando i numeri sull'emergenza disoccupazione giovanile. Nel 2013 erano circa 745 milioni i disoccupati al di sotto dei 25 anni nel mondo quasi un milione in più rispetto all'anno precedente. Il tasso di disoccupazione giovanile su scala mondiale ha così superato il 13 per cento quasi tre volte quello degli adulti. Tra loro ci sono soprattutto quei giovani che non lavorano non studiano e non sono impegnati in nessuna attività formativa. Sono i Neet (Not in Education Employment or Training).fino al 28 marzo in quattro città francesi la Nuit des témoins

Dove essere cristiani può costare anche la vita. PARIGI. Il patriarca di Alessandria dei Copti Ibrahim Isaac Sidrak l'arcivescovo di Bangui Dieudonné Nzapalainga l'arcivescovo di Mossul dei Caldei Amel Shamon Nona il prete maronita libanese Samer Nassif la religiosa siriana Raghida Al Khouri: sono le personalità invitate alla sesta edizione della
Nuit des témoins che si svolge dal 24 al 28 marzo a Strasburgo Bordeaux Marsiglia e Parigi. L'iniziativa organizzata da Aide à l'Eglise en Détresse ha lo scopo di rendere
omaggio attraverso la preghiera e la testimonianza a tutti i cristiani discriminati o addirittura uccisi a causa della loro fede. Si è cominciato la sera di lunedì 24 a Strasburgo nella chiesa di SaintPierre-le-Jeune dove a presiedere la «Notte dei testimoni» è stato chiamato il vescovo ausiliare Christian Kratz. È stata poi la volta di Bordeaux martedì 25 nella cattedrale di Saint-André con il cardinale arcivescovo Jean-Pierre Ricard. Si continua poi a Marsiglia mercoledì 26 nella basilica del Sacré-Coeur con l'arcivescovo Georges Pontier e infine a Parigi venerdì 28 dove nella cattedrale di Notre-Dame si terranno prima una messa e poi una veglia guidate dal cardinale arcivescovo André Vingt - Trois. «Minacciati più volte preghiamo Dio di proteggere le chiese e le persone ma forti della nostra fede in Gesù Cristo e certi del nostro
amore per l'Egitto non lasceremo mai la nostra terra» ha dichiarato di recente monsignor Sidrak. Nella Nuit des témoins racconterà anche delle sessanta chiese saccheggiate e delle rappresaglie contro i copti seguite alla caduta del presidente Morsi e delle difficoltà nei rapporti fra cristiani e musulmani «a causa di una certa ignoranza». Il patriarca 58 anni conosce bene le sfide che il suo Paese si trova di fronte

Dopo aver studiato filosofia e teologia al Seminario maggiore di Maadi prima di diventarne il rettore ha preso poi la guida dell'Ufficio catechetico di Sakakini e infine della
cattedrale copta cattolica del Cairo. Eletto patriarca di Alessandria dei Copti il 15 gennaio 2013 è considerato un moderato. Non crede a una vera e propria persecuzione contro i cristiani ma non tace «le migliaia di violenze quotidiane che subiscono i copti in quanto copti» dalla richiesta di un semplice documento alla selezione in caso di assunzione. Massacri saccheggi violenze: nella Repubblica Centroafricana è questo da più di un anno il tragico bollettino quotidiano. A parlarne è stato chiamato l'arcivescovo di Bangui molto conosciuto in Francia Paese nel quale ha studiato teologia e dal quale ha lanciato di recentemente appelli alla comunità internazionale. Nella Repubblica Centroafricana un'escalation di violenza «mai vista in tutta la mia vita» ha dichiarato monsignor Nzapalainga. Gruppi armati hanno profanato luoghi di culto cristiani e preso di mira le loro proprietà. «Non abbiamo capito perché» ha detto il presule che assieme al pastore protestante e all'imam di Bangui è fortemente impegnato nel dialogo ecumenico e interreligioso con l'obiettivo della pace e della riconciliazione. Rifiuta le accuse facili e gli amalgami ingannevoli. A Natale il suo messaggio rivolto ai cristiani di buona volontà li esortava a «prendere coscienza della parte di responsabilità di ciascuno in tutti i mali di cui soffre la nazione» al fine di «dare il meglio di voi stessi per rafforzare la speranza». Monsignor Nona arcivescovo di Mossul dei Caldei parlerà invece della situazione dei cristiani in Iraq. «Siamo vittime di fondamentalisti venuti dai Paesi vicini per combattere gli infedeli» ammonisce il giovane presule (46 anni) prima parroco ad Alqosh la città dove è nato e poi docente di teologia al Collegio
pontificio di Erbil. In dieci anni di conflitto la comunità cristiana in Iraq ha perso più della metà dei suoi membri e ha visto attaccate una settantina di chiese. Ma «bisogna restare» afferma perché «la fede cristiana non è una teoria astratta» perché «dà un senso a questa vita di persecuzione fornendo la forza necessaria per sopportarla». La risposta alla violenza è «l'amore essere ancora più uniti avere reale coscienza della propria fede». Alla «Notte dei testimoni» anche padre Samer Nassir e suor Raghida Al Khouri. Il primo nativo di Deir el-Qamar in Libano villaggio che mette a contatto cristiani e drusi si soffermerà sul calvario vissuto dai cristiani orientali ma anche sulla loro vitalità e speranza. La religiosa parlerà invece del suo Paese la Siria dove i cristiani ma anche i musulmani moderati si sentono «annichiliti abbandonati»

CRISTIANI PERSEGUITATI. 4 marzo 2014. Oggi ci sono cristiani condannati perché hanno una Bibbia. "La Croce è sempre nella strada cristiana". E' quanto affermato da Papa Francesco nella Messa di stamani a Casa Santa Marta. Il Papa ha incentrato la sua omelia sulle persecuzioni dei cristiani e ha avvertito che oggi ci sono più martiri che nei primi tempi della Chiesa. Quindi ha affermato che la vita cristiana non è "un vantaggio commerciale" ma "è semplicemente seguire Gesù". Gesù aveva appena finito di parlare sul pericolo delle ricchezze e Pietro gli domanda cosa riceveranno i discepoli che hanno lasciato tutto per seguirlo. Papa Francesco ha svolto la sua omelia muovendo da questo confronto narrato dal Vangelo odierno e subito ha sottolineato che Gesù "è generoso". In verità risponde il Signore "non c'è nessuno che abbia lasciato" la famiglia la casa i campi che "non riceva già ora in questo tempo cento volte tanto". Forse ha commentato il Papa Pietro pensa che "andare dietro Gesù" sia una "bella attività commerciale" perché ci fa guadagnare cento volte tanto. Ma Gesù aggiunge che accanto a questo guadagno ci saranno persecuzioni: "Come se dicesse: 'Sì voi avete lasciato tutto e riceverete qui in terra tante cose: ma con la persecuzione!'. Come un'insalata con l'olio della persecuzione: sempre! Questo è il guadagno del cristiano e questa è la strada di quello che vuole andare dietro a Gesù perché è la strada che ha fatto Lui: Lui è stato perseguitato! E' la strada dell'abbassamento. Quello che Paolo dice ai Filippesi: 'Si abbassò. Si è fatto uomo e si abbassò fino alla morte morte di croce'. Questo è propria la tonalità della vita cristiana". Così anche nelle Beatitudini ha proseguito il Papa quando Gesù dice: "Beati voi quando vi insulteranno quando sarete perseguitati a causa del mio nome" "è una delle Beatitudini la persecuzione". I discepoli ha rammentato "subito dopo la venuta dello Spirito Santo hanno cominciato a predicare e sono cominciate le persecuzioni: Pietro è andato in carcere" Stefano è stato ucciso e poi "tanti discepoli fino al giorno d'oggi". "La Croce – ha ammonito – è sempre nella strada cristiana!" "Noi – ha ribadito – avremo tanti fratelli tante sorelle tante madri tanti padri nella Chiesa nella comunità cristiana" ma "anche avremo la persecuzione":

"Perché il mondo non tollera la divinità di Cristo. Non tollera l'annuncio del Vangelo. Non tollera le Beatitudini. E così la persecuzione: con la parola le calunnie le cose che dicevano dei cristiani nei primi secoli le diffamazioni il carcere… Ma noi dimentichiamo facilmente. Ma pensiamo ai tanti cristiani 60 anni fa nei campi nelle prigioni dei nazisti dei comunisti: tanti! Per essere cristiani! Anche oggi… 'Ma oggi abbiamo più cultura e non ci sono queste cose'. Ci sono! E io vi dico che oggi ci sono più martiri che nei primi tempi della Chiesa." Tanti fratelli e sorelle ha proseguito "che danno testimonianza di Gesù offrono la testimonianza di Gesù e sono perseguitati". Cristiani ha constatato con amarezza che non possono neppure avere la Bibbia con sé: "Sono condannati perché hanno una Bibbia. Non possono fare il segno della croce. E questa è la strada di Gesù. Ma è una strada gioiosa perché mai il Signore ci prova più di quello che noi possiamo portare. La vita cristiana non è un vantaggio commerciale non è un fare carriera: è semplicemente seguire Gesù! Ma quando seguiamo Gesù succede questo. Pensiamo se noi abbiamo dentro di noi la voglia di essere coraggiosi nella testimonianza di Gesù. Anche pensiamo - ci farà bene - ai tanti fratelli e sorelle che oggi - oggi! - non possono pregare insieme perché sono perseguitati; non possono avere il libro del Vangelo o una Bibbia perché sono perseguitati". Pensiamo ha detto ancora a quei fratelli che "non possono andare a Messa perché è vietato". Quante volte ha affermato "viene un prete di nascosto fra di loro fanno finta di essere a tavola a prendere un tè e lì celebrano la Messa" "perché non li vedano". "Questo – ha avvertito il Papa - succede oggi". Pensiamo ha concluso se siamo disposti "a portare la Croce come Gesù? A portare persecuzioni per dare testimonianza di Gesù" come "fanno questi fratelli e sorelle che oggi sono umiliati e perseguitati"; "questo pensiero ci farà bene a tutti". Alessandro Gisotti - Radio Vaticana ©riproduzione riservata

CRISTIANI PERSEGUITATI. 13 febbraio 2014. Libertà religiosa. più a rischio Negli ultimi anni vi è stato un continuo aumento delle violazioni commesse sia da attori governativi che non governativi contro individui e gruppi sociali attuati sulla base della loro appartenenza religiosa o della loro fede. È questo il quadro tracciato dal Rapporto 2013 sulla situazione della libertà di religione o fede nel mondo un dossier preparato dal Gruppo di lavoro sul tema del Parlamento europeo guidato dagli europarlamentari olandesi Dennis de Jong e Peter Van Dalen. Si tratta di un gruppo creato sulla scorta della decisione del Consiglio Ue del 2013 di varare delle linee guida per la tutela del diritto alla libertà di religione nel mondo. Il rapporto è stato presentato ieri a Bruxelles nel corso di una conferenza cui hanno partecipato anche rappresentanti della Commissione Usa sulla libertà internazionale di religione e rappresentanti della Piattaforma europea sull'intolleranza e la discriminazione religiosa. Secondo il rapporto sono 25 i Paesi di «particolare preoccupazione» 15 dei quali sono segnalati addirittura come «gravi violatori» della libertà di religione e fede (Cina Egitto Eritrea India Iran Iraq Corea del Nord Libia Mali Nigeria Pakistan Arabia Saudita Siria Tunisia e Uzbekistan). Per i cristiani in particolare «la Corea del Nord rimane il Paese più difficile al mondo»: tra 50mila e 70mila cristiani sono detenuti in «spaventosi campi di prigionia». Anche in Eritrea che pure riconosce cattolicesimo e ortodossia come fedi ufficiali risultano detenuti tra i 2mila e i 3mila cristiani. Altro Paese che vive una situazione a dir poco drammatica è la Nigeria dove tra il novembre 2011 e l'ottobre 2012 si sono avuti ben 791 dei 1.201 assassinii di cristiani registrati in tutto il mondo. Accanto alla prigionia si sono registrate nel mondo altre gravi forme di violenze per motivi religiosi come ad esempio il divieto di cambiare religione che è tuttora in vigore in 39 Paesi. In questo tipo di violazione della libertà primeggia l'India al cui interno ci sono vari Stati federali in cui è espressamente vietato abbandonare l'induismo. Delicato anche il cambio di religione in vari Paesi islamici come la Giordania ma soprattutto l'Egitto. Quest'ultimo Paese è segnalato nel rapporto anche per il quasi costante rifiuto di concedere l'autorizzazione alla costruzione di nuove chiese ai cristiani copti mentre in Iran dal 2010 si contano ben 300 arresti tra musulmani convertitisi al cristianesimo. Un caso estremo per le persecuzioni religiose è l'Arabia Saudita che presenta delle pesanti discriminazione per i cittadini o i residenti non-musulmani. Sulla scorta di queste informazioni il Gruppo di lavoro ha fortemente raccomandato all'Unione europea di dare alla questione della libertà religiosa un ruolo cruciale nel stabilire rapporti e nello stringere negoziati con i Paesi terzi. Giovanni Maria Del Re ©riproduzione riservata

CRISTIANI PERSEGUITATI. 8 gennaio 2014. Fede alla prova. Cristiani persecuzioni in aumento nel 2013. Il numero dei cristiani perseguitati per la loro fede è in aumento. Anche nel 2013 le violenze e le discriminazioni nei loro confronti sono cresciute. Il dato emerge anche dall'"Indice mondiale delle persecuzioni 2014" uno studio che classifica i 50 Paesi più colpiti dall'intolleranza realizzato dall'associazione Portes ouvertes France una ong di sostegno ai cristiani perseguitati. Associazione apolitica fondata nel 1976 Portes Ouvertes France realizza questo rapporto dal 1997. Nel 2013 scrive l'ong c'è stato un aumento generalizzato delle persecuzioni: L'Africa in particolare la cintura del Sahel "è diventata un campo di battaglia per la Chiesa" e c'è stato una sorta di "inverno cristiano proprio nei Paesi che hanno vissuto la primavera araba". La Corea del Nord si conferma per la dodicesima volta consecutiva il Paese in cui per i cristiani vivere è più pericoloso e precario; al secondo posto la Somalia dove tribù e clan musulmani assicurano la morte "a quasi tutti i cristiani che incontrano". La situazione non migliora nei Paesi arabi. Siria ed Egitto innanzitutto: la Siria passata dal 11esimo al terzo posto detiene il triste primato dei numero di cristiani assassinati (più della Nigeria secondo notizie desunte dalla stampa); l'Egitto è il Paese dove i cristiani hanno subito più violenze. L'estremismo islamico si conferma il fattore più insidioso. L'aumento delle persecuzioni si nota particolarmente negli Stati falliti quelli cioè in cui il potere centrale stenta ad assumere pienamente il suo ruolo: oltre alla Somalia e alla Siria l'Iraq l'Afghanistan il Pakistan lo Yemen e ora anche la Repubblica Centrafricana.
Tra gli altri Paesi in cui i cristiani sono sotto pressione troviamo le Maldive l'Arabia Saudita l'Iran la Libia l'Uzbekistan il Qatar. ©riproduzione riservata

27 dicembre 2013. Libertà religiosa. Martirio via dei cristiani. EUROPA Nel nome del "laicismo" si contrasta ogni radice. «Accade» che i cristiani siano apertamente avversati «anche in Paesi e ambienti che sulla carta tutelano la libertà e i diritti umani ma dove di fatto i credenti e specialmente i cristiani incontrano limitazioni e discriminazioni». La nota del Papa ieri all'Angelus fa risuonare anche i numerosi episodi in Europa dove la negazione del cristianesimo come dimensione pubblica va dai Paesi nei quali sono banditi gli auguri di Natale come la Gran Bretagna a quelli dove la semplice esibizione durante un tg di una piccola croce attaccata a una catenina può costare il posto a una giornalista com'è accaduto poco più di un mese fa in Norvegia. I cristiani sono oggi osteggiati in Francia: qui la Chiesa sta ricordando al governo Hollande impegnato a legalizzare l'eutanasia dopo le nozze gay che «né la Repubblica né lo Stato né i medici sono proprietari della vita umana» come ha ammonito la vigilia di Natale l'arcivescovo di Lione cardinale Barbarin. Ma sono tempi difficili anche per i cristiani in Belgio dove sono gruppi di credenti ad animare l'opposizione al progetto di legge per estendere l'eutanasia ai bambini. Aperto dileggio affrontano i credenti spagnoli che sostengono il ripristino della legge sull'aborto ripulita dalle liberalizzazioni di Zapatero. Situazione analoga in Croazia dove la Chiesa ha guidato la grande – e contestata – iniziativa per la difesa della famiglia con la riforma referendaria della Costituzione. Francesco Ognibene

NIGERIA Il fondamentalismo del Nord innesca la caccia ai fedeli. Nell'Africa sub-sahariana la Nigeria centro-settentrionale rappresenta da tempo una delle regioni più pericolose per la comunità cristiana. Le violenze sono aumentate radicalmente con gli attacchi degli jihadisti di Boko Haram una setta formatasi nella città nord-orientale di Maiduguri che ha l'obiettivo di portare nel Paese una versione molto più estrema della sharia (la legge coranica). Negli ultimi quattro anni quelli che a volte sono definiti i «taleban nigeriani» hanno preso di mira soprattutto leader civili e luoghi di culto cristiani. I dati ufficiali parlano di almeno 3.600 morti dal 2009 in gran parte cristiani.
La maggior parte degli attentati di Boko Haram sono avvenuti nel nord della Nigeria a maggioranza islamica costringendo migliaia di cristiani a dirigersi verso sud. Lo Stato centrale del Plateau è però spesso teatro di scontri tra le comunità musulmana contro quella cristiana o tra i militanti e le autorità. I qaedisti hanno anche colpito più volte le chiese a Natale. Quest'anno dopo una serie di attacchi dell'esercito ai militanti il 24 dicembre nel nord-est del Paese e grazie all'innalzamento del livello di sicurezza in tutto il territorio non ci sono stati attentati. Matteo Fraschini Kofi

MEDIO ORIENTE La Terra Santa è l'epicentro di un lungo esodo forzato. Sono solo 154mila i cristiani che abitano oggi la Terra Santa dentro i confini di Israele. L'80% della minoranza cristiana sono arabi altri sono congiunti di ebrei a cui vanno aggiunti circa 30mila lavoratori stranieri e i cristiani palestinesi di Gerusalemme Est. Davvero un "piccolo gregge" nello Stato di Israele che conta circa 8milioni di abitanti (6milioni di ebrei e oltre un milione e mezzo di arabi). Nazaret è la città con più alto numero di cristiani seguita da Haifa e Gerusalemme: piccolissime comunità come agonizzanti e che da decenni ormai lottano contro il male endemico della fuga all'estero e della diaspora a causa di violenze e di un ambiente culturalmente ostile in tutto il Medio Oriente. Considerando i flussi migratori i cristiani in Israele aumentano ogni anno dello 09%. Un dato inferiore sia rispetto agli ebrei (+ 17%) che rispetto ai musulmani (+ 27%) e che in prospettiva rende ancora più esigua la presenza cristiana. La minoranza presenta un alto tasso di istruzione e percentuali di accesso all'università superiori a quelli nazionali. Un'istruzione che paradossalmente potrebbe incentivare l'emigrazione qualificata: il rischio infatti è che i luoghi santi si trasformino in futuro dei musei perfettamente conservati ma senza comunità vive. Una tentazione quella della fuga condivisa da decenni pure in Egitto dove risiede la minoranza copta come in Siria e Libano. Luca Geronico

IRAQ Ancora sangue a Baghdad la comunità cerca "nornalità". A Baghdad la violenza non ha risparmiato nemmeno il giorno di Natale. Nel pomeriggio due bombe sono esplose nella zona di Dura uccidendo 25 persone e ferendone 56. Una strage – l'ennesima –non rivendicata da alcun gruppo. Eppure data la vicinanza della chiesa di San Giovanni le autorità avevano pensato che si trattasse di un attacco settario contro la minoranza. Un'ipotesi smentita subito dopo da monsignor Shlemon Warduni vescovo ausiliare della capitale. L'agguato – ha precisato il pastore in un'intervista a "Radio Vaticana" – «non era diretto ai cristiani. Non dobbiamo mescolare le cose – ha aggiunto il pastore –: l'attentato è avvenuto nel giorno di Natale ma non perché è Natale. Secondo il ministero dell'Interno l'obiettivo dei terroristi era il mercato di Athorien particolarmente affollato a quell'ora del mattino. È stato un anno difficile per l'Iraq che ha assistito a una devastante ondata di violenza settaria. Le ultime stime delle Nazioni Unite parlano di oltre 8mila morti da gennaio una "cifra da 2006" quando dopo la caduta di Saddam Hussein la violenza confessionale esplose in tutta la sua ferocia. Ad acuire le violenze – un conflitto civile non dichiarato – le proteste contro il governo dello sciita Maliki accusato di favorire la sua comunità a discapito dei sunniti.

PAKISTAN Asia Bibi icona della blasfemia. E l'India colpisce anche i pastori. Un altro anno nero per i cristiani e le minoranze religiose del Pakistan. A partire da Asia Bibi che resta in carcere in attesa del giudizio d'appello a tre anni dalla condanna a morte per blasfemia. Su tutti il peso dei conflitti e della violenza endemica di un Paese di 180 milioni di abitanti che va affondando nei suoi contrasti etnici settari e di interessi contrapposti con un crescente impatto del terrorismo sia quello alimentato dai movimenti jihadisti come al-Qaeda sia quello taleban di matrice locale. Pesa però anche una legge (cosiddetta "anti-blasfemia") usata come un ariete per minare i diritti delle minoranza religiose o dell'islam non integralista. Una situazione che da tempo esporta violenza di pretesto religioso oltreconfine nell'immensa India dove a sua volta il radicalismo di matrice induista rivendica anche in politica un ruolo che confermi radicati privilegi. Proprio per la difesa degli ultimi nel tradizionale sistema di caste e gruppi emarginati (dalit) la Chiesa indiana subisce pressioni e ingiustizie. Come l'11 dicembre quando l'arcivescovo di Delhi monsignor Anil Couto è stato fermato con decine di sacerdoti suore e attivisti durante una marcia per chiedere al governo che confermi anche per i battezzati i benefici riconosciuti ai dalit di fede induista.
Stafano Vecchia